Il prolungamento delle vacanze scolastiche dipende dalla valutazione degli indicatori del freddo e delle basse temperature

Condividi le nostre notizie

Dato l’aumento delle infezioni respiratorie acute (ARI) e il calo delle temperature, mercoledì prossimo le autorità dell’Istruzione, della Salute e dell’Ambiente analizzeranno la rilevanza o meno di prolungare la pausa pedagogica, ha riferito lunedì il Vice Ministro della Promozione e della Sorveglianza Epidemiologica, Max Enriquez .

“Per ora notiamo che c’è un aumento delle infezioni respiratorie acute tra le settimane epidemiologiche 25 e 26 di più o meno 2.700 casi in termini di ARI e polmoniti. Dobbiamo fare un’analisi per prendere la decisione congiunta mercoledì”, ha spiegato.

In un incontro interistituzionale, al quale parteciperanno autorità e tecnici dei Ministeri dell’Istruzione e della Sanità, dei Servizi Sanitari Dipartimentali e del Servizio Nazionale di Meteorologia e Idrologia (Senamhi), si valuteranno i rapporti epidemiologici e climatologici in Bolivia.

Senamhi ha attivato l’allerta arancione fino al 15 luglio a causa di un fronte freddo che è entrato nel territorio boliviano, provocando improvvisi abbassamenti delle temperature nell’est e nel sud del Paese. Si prevedeva gelo nelle valli di Tarija, Chuquisaca e Santa Cruz.

Intanto, nella parte occidentale del territorio nazionale, si sono registrate temperature sotto lo zero, che hanno raggiunto i -8 gradi a El Alto e i -22 gradi a Uyuni.

La pausa pedagogica è iniziata il 1 luglio e dovrebbe concludersi questo venerdì.

hoybolivia.com

Ultimi messaggi da Redacción Central (vedi tutto)


 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Almeno 13 arrestati per aver collocato esplosivi nella RM
NEXT Tucumán in allerta polare e un avvertimento “timoroso” di Cristofer Brito a tutta Tucumán