Ronald Araujo e la lotta contro se stesso: uno dopo l’altro, gli infortuni che lo hanno messo da parte nelle partite dell’Uruguay

Le mani sul viso e anche qualche lacrima che voleva scappare. È così che ha lasciato il campo da gioco Ronald Araujo nell’incontro tra Uruguay e Brasile per i quarti di finale della Coppa America. Nonostante La Celeste abbia centrato l’obiettivo di piazzarsi tra le quattro migliori del torneo, la gioia non è completa perché al 33′ il difensore nato a Rivera ha dovuto lasciare il campo.

È andato a tagliare una croce di Rafhinha e quando è caduto a terra, il suo gesto è stato doloroso. La Salute è venuta a curarlo e ha subito fatto il gesto del cambiamento.

Mentre José María Giménez si preparava a entrare, Araujo non poteva crederci: per il difensore del Barcellona gli infortuni sono diventati molto più ricorrenti di quanto probabilmente si aspettasse perché questo lo lascia senza guadagnare tempo o, come questa volta, fuori dalla definizione di giocatore. torneo importante quanto la Copa América.

Ronald Araujo a terra a causa del suo infortunio nello scontro tra Brasile e Argentina.

Foto: AFP.

Anche se finora non è stata fornita alcuna informazione ufficiale sull’infortunio del difensore, è chiaro che si tratti di un problema muscolare alla parte posteriore della gamba destra perché è stato lì che è stato subito prelevato e nell’orbita della Celeste era già si maneggia come una lacrima.

non sarà prima Colombia e non potrà essere presente all’ultima partita dell’Uruguay in Copa América, né per il terzo posto né per il titolo più importante negli Stati Uniti.

Per Araujo, la questione degli infortuni è diventata un mal di testa comune. C’è un dettaglio che dimostra, ad esempio, come lo abbiano influenzato almeno in termini di selezione: ha giocato solo 20 partite, quando avrebbe potuto giocarne quasi il doppio se le sue condizioni fisiche lo avessero permesso perché ogni volta che è in salute è titolare e appare anche in diverse partite, come del resto era stato nell’attuale Copa América.

2020: prima celeste con alti e bassi

Ronald Araujo era già nell’orbita della Nazionale al punto che all’inizio delle Qualificazioni per il Qatar era subentrato al primo appuntamento contro Chilema ha giocato da titolare nella seconda contro Ecuador.

In ogni caso alla terza e quarta giornata (contro Colombia e Brasile) non poteva esserci e al di là del fatto che l’infortunio in quel caso era al Barcellona, ​​gli ha impedito di giocare entrambe le gare con la Celeste.

Ronald Araujo e il suo debutto con l’Uruguay contro l’Ecuador.

Foto: @Uruguay.

La Federcalcio uruguaiana, attraverso un comunicato, ha poi precisato che Araujo “durante la partita giocata dal club del Barcellona contro la Juventus, ha riportato un infortunio al muscolo tendine del ginocchio destro, che lo lascia fuori dai convocati” quindi contro la Tri è stata la sua unica partita. quell’anno giocò nelle qualificazioni, sostituendo anche contro Paraguay e Venezuela.

2021: di nuovo in Copa América

Con José María Giménez ad alto livello e con Diego Godín ancora in attività, Ronald Araujo doveva guadagnarsi il suo posto nella Celeste ed è per questo che nella Coppa America del Brasile ha iniziato prima in panchina Argentina il primo giorno.

Quando sembrava che potesse avere la possibilità di giocare al secondo appuntamento contro Chileuna contrattura patita durante uno degli ultimi allenamenti precedenti, lo lasciò fuori da quella partita, ma non fu il solo.

È stato anche escluso dalle partite contro Bolivia e Paraguay. Contro la Colombia, nei quarti, era a disposizione ma è andato in panchina.

Ronald Araujo sta lavorando al suo recupero durante la Copa América del 2021.

Foto: Nicolas Pereyra.

Nello stesso anno, Ronald si infortunò nuovamente mentre difendeva la squadra uruguaiana e di nuovo nelle qualificazioni per la Coppa del Mondo 2022. Questa volta fu contro l’Argentina, quando dovette essere sostituito al 73′.

“L’AUF Health informa che il calciatore Ronald Araujo ha terminato la partita contro l’Argentina domenica scorsa, 10 ottobre, con un fastidio alla coscia destra. In uno studio effettuato è stata riscontrata una lesione fibrillare nella regione del tendine del ginocchio destro, motivo per cui è stato lasciato indenne durante la partita contro il Brasile”, si legge nel comunicato. Ciò ha escluso il difensore dal duello contro il Brasile.

2022: la lunga attesa che è stata vana

È stato forse l’anno in cui gli infortuni lo hanno colpito di più, soprattutto per quello che lo aspettava nello sport.

Nel giugno 2022, Araujo ha iniziato un’amichevole contro Messico e poté giocare solo 30 minuti perché un infortunio, poi pubalgia, lo tolse da quella partita e lo lasciò fuori dallo scontro che pochi giorni dopo la squadra di Diego Alonso avrebbe dovuto affrontare. Stati Uniti d’America.

Ma senza dubbio ciò che ha segnato un prima e un dopo è stata l’amichevole contro Iranquello in cui ha potuto giocare meno di un minuto prima di infortunarsi e dover abbandonare il campo di gioco.

Ronald Araujo in Qatar con la squadra dell’Uruguay che ha partecipato ai Mondiali del 2022.

Foto: @Uruguay.

Essere a settembre e con il mondo A dicembre erano sorti dubbi sulla sua possibilità o meno di partecipare alla competizione più importante a livello di Nazionale. Si è parlato tanto, si sono valutate tante opzioni, ma ha prevalso un infortunio. Dopo gli accertamenti è stato confermato che aveva subito “un’avulsione del tendine adduttore lungo della coscia destra”.

Ha subito un intervento chirurgico e ha iniziato a lavorare contro il tempo per raggiungere la Coppa del Mondo. Il tecnico era fiducioso nel suo recupero e infatti faceva anche parte della rosa che era in Qatar, ma alla fine non ha preso parte a nessuna delle tre partite giocate dalla Celeste. Restava sempre il dubbio se sarebbe stato disponibile in caso di qualificazione agli ottavi.

2023: un infortunio in Spagna che ha colpito la Nazionale

L’inizio di un nuovo percorso nelle qualificazioni ha generato entusiasmo e soprattutto il fatto Marcelo Bielsa Era alla guida della squadra Celeste, ma ancora una volta gli infortuni lo hanno lasciato in disparte.

La sua ultima partita con l’Uruguay era stata proprio contro l’Iran nel settembre 2022 e ha dovuto aspettare fino all’ottobre 2023 per difendere nuovamente la maglia della Nazionale nel terzo appuntamento delle Qualificazioni, visto che aveva saltato le prime due giornate.

Ancora una volta si è trattato di un infortunio con il Barcellona, ​​ma ha influito anche sui suoi minuti nella squadra uruguaiana perché uno strappo subito mentre difendeva i culés non gli ha permesso di partecipare alle partite contro Cile ed Ecuador per le Qualificazioni al Mondiale 2026. Coppa negli Stati Uniti e in Canada.

2024: era il secondo dell’anno, il primo con l’Uruguay

La sua presenza in Copa América è stata una delle più notevoli nelle prime partite dell’Uruguay, al punto che contro gli Stati Uniti è stato uno dei protagonisti della squadra di Marcelo Bielsa, ma ancora una volta il suo fisico gli ha giocato brutti scherzi.

Il dolore muscolare lo ha escluso dalla partita contro il Brasile e probabilmente lo escluderà dal resto della Copa América.

Ronald Araujo, in piena forma fisica, è uno dei migliori difensori del calcio mondiale oggi ed è fondamentale con la sua versatilità in Uruguay, ma gli infortuni hanno complicato le cose e non solo i suoi allenatori ne soffrono, ma anche il giocatore stesso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Google Maps e Waze mostrano una velocità diversa da quella della tua auto. Qual è la velocità reale? – Insegnami la scienza
NEXT Thales e Airbus, satellite dell’amore?