Indagano su due cliniche per un possibile reclutamento di donne vulnerabili per surrogare un utero

L’indagine viene effettuata Enrico Senestrari e nasce da una denuncia anonima. Fra Tra gli indagati figurano medici, avvocati, psicologi e il personale di due cliniche private.. Sono 14 le donne vittime che sarebbero state assunte per gestare in cambio di denaro e poi sarebbero rimaste indifese.

LEGGI DI PIÙ ►Il caso del prestito e una domanda inevitabile: cosa sta succedendo a Santa Fe con i programmi di salvataggio per le vittime della tratta?

immagine.png

Il procuratore federale Enrique Senestrari.

Il procuratore federale Enrique Senestrari.

Secondo il portale di notizie PERFIL, tra giovedì e venerdì della scorsa settimana sono state effettuate delle perquisizioni con l’autorizzazione dell’ giudice federale n. 2, Alejandro Sánchez Freytes, nell’ambito delle accuse mosse da Maria Alejandra Mangano, della Procura contro la tratta e lo sfruttamento delle persone (Protex) e il procuratore generale presso il TOF2 di Córdoba, Carlos Gonellzcon la partecipazione del procuratore federale n. 1 Enrique Senestrari, dove si trova attualmente il fascicolo.

La qualificazione giuridica per la quale è stata richiesta l’azione penale è di tratta di esseri umani aggravata, a causa della vulnerabilità e del numero delle vittime e del numero delle persone coinvolte. È stata inclusa anche la figura della falsità ideologica.

La tratta di esseri umani in Argentina è classificata come sfruttamento lavorativo o sfruttamento sessuale

Il fascicolo viene trattato con la massima segretezza, ma come ha potuto confermare PERFIL CÓRDOBA, Le vittime identificate sono 14, tutte provenienti da contesti sociali molto vulnerabili.

Un caso si riferisce a una donna la cui gravidanza ha causato gravi problemi di salute. Tuttavia, non c’è stato un seguito adeguato. L’hanno lasciata sola, con cinque figli e una situazione economica difficile. La donna andò a testimoniare in tribunale un mese dopo il parto.

La manovra presunta criminale comporterebbe il reclutamento di ragazze che vivono in contesti sociali vulnerabili e che sarebbero offerte a coppie che volevano avere figli e non potevano concepirli per diversi motivi. Questi contratti sarebbero stati stipulati in cambio di denaro.

Il punto in cui sono considerati illegali è il trattamento riservato alle donne incinte.

Li hanno cercati, li hanno offerti, “Hanno tolto il prodotto – il bambino – e hanno scartato le donne”, uno dei ricercatori ha fornito come esempio. Per questo motivo si sospetta il coinvolgimento dei medici, delle autorità delle due cliniche della nostra città, degli avvocati, degli psicologi e del personale di entrambe le istituzioni nel reclutamento delle vittime.

Dopo la fiera giudiziaria, che inizierà lunedì prossimo, verranno svolte le dichiarazioni investigative dei nove imputati.

immagine.png

Maternità surrogata a Córdoba: una scappatoia legale che ha generato diverse scorciatoie.

Maternità surrogata a Córdoba: una scappatoia legale che ha generato diverse scorciatoie

La maternità surrogata è una pratica che si pratica da diversi anni in Argentina, ma in un vuoto giuridico. Nel corso del processo di riforma del Codice Civile, approvato nel 2015, sono stati presentati progetti per regolamentarlo, senza però avere esito positivo.

Per tale motivo, A Córdoba sono intervenuti i giudici della Famiglia standardizzare gli accordi privati ​​tra genitori procreatori e donne incinte, prima di intraprendere il processo di fecondazione o durante lo stesso. Altre coppie si sono rivolte al Tribunale della Famiglia dopo la nascita del bambino, per chiedere la registrazione come figlio della coppia con vocazione materna e paterna.

In un rapporto pubblicato da questo mezzo all’inizio dello scorso maggio, è stata espressa la preoccupazione e la sorpresa che l’indagine federale ha suscitato presso il Tribunale della Famiglia.

Negli ultimi 12 anni, Gli otto tribunali della famiglia che operano a Córdoba hanno ricevuto circa 25 contratti privati ​​per svolgere la praticacioè al ritmo di tre procedimenti per tribunale. Le sentenze che li hanno respinti sono state pochissime ed eccezionali.

Nei tribunali analizzano ogni richiesta, Interviene Catemu (Squadra Ausiliaria Tecnica Multidisciplinare) e la Procura controlla la legalità degli atti. Il criterio è corroborare l’autonomia della volontà della surrogata e che non si trovi in ​​una relazione disparata o violenta.

È stata incorporata anche una visita medica per escludere i casi in cui la gravidanza implicherebbe un deterioramento della salute della donna che porterà avanti la gravidanza. Quando un rischio è stato corroborato, l’accordo non è stato autorizzato.

immagine.png

Maternità surrogata a Córdoba: cosa dice l’indagine federale

In Nell’indagine federale non vi è alcuna presunzione di collusione da parte di nessuno degli otto giudici di famiglia della provincia.il che permette di dedurre che i casi analizzati non hanno subito procedimenti giudiziari durante la gravidanza. Sì, ci sono avvocati sospetti. È probabile che nel fascicolo non figurassero contratti di maternità surrogata senza previa autorizzazione, ma piuttosto con procedure successive, al momento della nascita dei bambini.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’applicazione mobile cilena sbarcata in Costa Rica per digitalizzare l’intero Paese
NEXT Il CEAV chiede una moratoria sulla richiesta di registrazione dei documenti in ottobre