Aggiornare il sistema giudiziario, obiettivo dell’incontro tra Governo e Alte Corti

Aggiornare il sistema giudiziario, obiettivo dell’incontro tra Governo e Alte Corti
Aggiornare il sistema giudiziario, obiettivo dell’incontro tra Governo e Alte Corti

DOPO l’incontro tra il presidente della Repubblica Gustavo Petro, i presidenti delle Alte Corti, Gerson Chaverra della Corte Suprema di Giustizia; José Reyes della Corte Costituzionale; Alfonso Cajiao della Commissione Disciplinare Giudiziaria; Roberto Vidal del PEC; e il Ministro della Giustizia Ángela María Buitrago, l’Esecutivo ha avviato un dibattito sulla strutturazione di un nuovo modello di giustizia che consenta riparazioni effettive.

Come ha spiegato la nuova ministra della Giustizia, Ángela María Buitrago, “il Paese non può più aspettare per molte cose riguardanti l’attuazione e le riforme. Cerchiamo di pensare al primo ricorso davanti al Congresso della Repubblica, proprio evitando strozzature nel sistema procedurale penale. “Stiamo analizzando tre elementi fondamentali, il sistema carcerario, il sistema procedurale penale e la particolare questione della droga”.

L’incontro con i magistrati, ha aggiunto il funzionario, aveva lo scopo di “trovare soluzioni fondamentali alla questione di una giustizia adeguata, una giustizia che generi anche riparazioni automatiche, ma soprattutto un’azione conforme alla realtà del Paese. Crediamo che in questo caso non possiamo essere a ruote sciolte” e dobbiamo lavorare sulla base della “collaborazione, dell’armonia e della necessaria articolazione” tra i poteri pubblici.

Ha aggiunto: “comprendiamo la necessità di condividere un elemento fondamentale con tutti gli attori del sistema giudiziario ed è una decisione, perché la giustizia gioca un ruolo fondamentale in una società che ha un’impunità molto elevata e un livello molto elevato di violenza”.

L’obiettivo principale dell’incontro è quello di pubblicizzare la tabella di marcia del governo nazionale per avere una giustizia adeguata in Colombia, che ruoterà attorno a tre assi: sistema carcerario, sistema di procedura penale e politica sulla droga, poiché, inoltre, sono state valutate alternative per rispettare gli obblighi richiesto dalla Costituzione del 1991 nel quadro della pace e “che significa anche una serie di obblighi che sono in fase di revisione, monitorati da organizzazioni internazionali, ma che in particolare costituiscono un’intenzione essenziale del Governo”.

Buitrago ha confermato che questo sarà il percorso di lavoro della sua gestione del portafoglio della giustizia in coordinamento con tutte le istituzioni statali, sottolineando che “la disposizione del governo è stata chiarita, come hanno affermato anche i presidenti dei tribunali, e da lì possiamo dire che siamo partiti, con l’unica visione di agire velocemente”.

Ha anche avvertito di non utilizzare i social network a suo nome, “né ci sarà mai la possibilità per questo ministro di aprire reti, per diverse ragioni. Quindi qualsiasi rete che conosci non è quella del ministro della Giustizia”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Manuel Buitrago: Guarito con orrore, cos’altro può succedere nella Regione di Murcia?
NEXT La prossima settimana farà molto caldo nella Regione di Murcia