La partecipazione dei cittadini ritiene che il codice penale protegga la corruzione | AlMomento.net

  • Di
    EFE
  • Data: 07/09/2024

Santo Domingo, 9 luglio.- Il movimento civico Partecipazione Cittadina (PC) ha ritenuto responsabile, martedì, la direzione del Partito Rivoluzionario Moderno (PRM) dell’approvazione del Codice Penale che, a suo avviso, protegge la corruzione stabilendo limiti alla sua perseguibilità e viola i diritti fondamentali delle donne, dei bambini e delle minoranze.

La leadership del PRM “non può nascondersi dietro il carattere corporativo” del Congresso Nazionale “per ridurre la propria responsabilità nella legislazione che, se approvata, porterebbe il Paese allo standard degli stati teocratici che oggi sono paria internazionali”, ha osservato l’organizzazione in una nota. .

Per questo ha invitato il presidente Luis Abinader “a mantenere la parola data e ad esercitare la sua leadership nel caucus del suo partito”.

VIOLA LA COSTITUZIONE E LA GIURISPRUDENZA ATTUALE

Il progetto di Codice penale approvato questo martedì in prima lettura dai deputati, dopo aver ricevuto l’approvazione del Senato, prevede una prescrizione di 20 anni per i reati di corruzione, in violazione della norma costituzionale e della giurisprudenza prevalente, secondo quanto affermato dal PC .

La corruzione, ha sottolineato l’organizzazione, “è diventata un grave problema nel nostro Paese, sottraendo importanti risorse pubbliche che impediscono di affrontare adeguatamente la salute del popolo dominicano, motivo per cui dovrebbe essere accostata ai crimini contro l’umanità e resa imprescrittibile. consentito dall’articolo 146 costituzionale.

“I deputati hanno appena approvato un progetto che, in realtà, nasconde nei suoi articoli disposizioni esclusive, discriminatorie e obsolete che non rappresentano in alcun modo uno Stato sociale, democratico e legale”, ha sottolineato.

È ASSURDO NON TENERE CONTO DELLE ECCEZIONI ALL’ABORTO

Per la Partecipazione Cittadina è assurdo che si sostenga la necessità di modernizzare il diritto penale e allo stesso tempo si criminalizzi l’aborto senza tenere conto delle tre eccezioni che sono state accettate nella maggior parte dei paesi del mondo; quando la vita della madre è in pericolo, quando la gravidanza è stata conseguenza di uno stupro o di un incesto o quando l’embrione presenta una malformazione incompatibile con la vita scientificamente provata.

L’organizzazione assicura che lo Stato è obbligato a tutelare la dignità, l’integrità, la libertà, la sicurezza personale, il libero sviluppo della personalità delle donne, e spetta al Congresso Nazionale gettare le basi per raggiungere tali obiettivi.EFE

un/sono

Condividilo sulle tue reti:

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un viaggio attraverso i “fuochi sanitari” nelle otto province andaluse alimentati da Moreno Bonilla
NEXT Il Messico deve rivedere il suo commercio con la Cina, non è reciproco: SHCP