Meloni e Orbán contestano la leadership dell’estrema destra al Parlamento europeo, divisa sul rapporto con Putin

Meloni e Orbán contestano la leadership dell’estrema destra al Parlamento europeo, divisa sul rapporto con Putin
Meloni e Orbán contestano la leadership dell’estrema destra al Parlamento europeo, divisa sul rapporto con Putin

BRUXELLES, 9 luglio. (STAMPA EUROPEA) –

Il primo ministro ungherese, Viktor Orbán, e il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, si contenderanno nella nuova legislatura che inizia al Parlamento europeo la leadership dell’estrema destra europea, e lo faranno con i rispettivi partiti localizzati nel terza e quarta forza politica della Camera, con posizioni convergenti rispetto all’euroscetticismo e al nazionalismo che li accomuna ma con una divisione fondamentale riguardo ai rapporti con il regime di Vladimir Putin.

L’irrigidimento della politica di immigrazione e il rifiuto delle politiche di asilo, la retorica populista e nazionalista e le posizioni euroscettiche e antifederaliste sono stati tradizionalmente punti d’incontro tra i partiti che intrecciano queste due famiglie, che li ha portati in passato a cercare di creare un “supergruppo” ” che ne visualizzerebbe il peso in Europa.

Tuttavia, i conflitti sulla leadership e le differenze storiche tra formazioni dello stesso paese o confinanti hanno frustrato tutti i tentativi fino ad ora, quando Orbán ha tentato nuovamente di invocare una grande coalizione di movimenti ultra che non è riuscito a portare avanti a causa del divario aperto tra questi che sostengono l’Ucraina contro l’invasione russa e coloro che, come il leader ungherese, non hanno remore a mostrare la loro comprensione con il Cremlino.

Meloni, che ha cercato patti con la destra tradizionale del Partito popolare europeo (PPE, vincitrice delle elezioni con 188 seggi sui 720 in palio) per ammorbidire la sua immagine radicale a Bruxelles, ha visto nella questione russa l’occasione per segnare il differenze con Orbán o Le Pen, che il PPE, i Socialisti e Democratici (S&D) e i liberali di Renew Europe (RE) collocano dall’altra parte di un cordone sanitario.

Infatti, nella sua campagna per la rielezione, la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, che ha una fragile maggioranza con i voti di PPE, S&D e RE, si è guardata bene dal chiudere la porta alla Meloni difendendo che collaborerà in questa legislatura con coloro che soddisfano tre condizioni: “essere pro-Urania e anti-Putin, essere pro-Stato di diritto ed essere pro-Europa”.

La coalizione lavorata da Orbán nelle ultime settimane, Patrioti per l’Europa, è riuscita lunedì a consolidarsi come la terza famiglia europea aggiungendo 84 seggi di dodici nazionalità diverse, tra cui i sei deputati di Vox che hanno improvvisamente abbandonato il gruppo di Meloni, Conservatori e Riformisti, pochi giorni dopo fu istituita una vicepresidenza riservata alla formazione spagnola.

Questo movimento è stato fondamentale per l’incremento delle maggioranze e ha generato disagio a Roma perché i sei eurodeputati di Vox segnano anche la differenza di seggi che separa i Patrioti per l’Europa dai Conservatori e Riformisti (ECR), che affonda le sue radici nell’euroscetticismo britannico ‘ e che sotto la guida della Meloni passa dalla terza alla quarta forza, con 78 rappresentanti.

In ogni caso, il primo ministro ungherese ha dovuto convincere due figure chiave del gruppo di estrema destra Identità e Democrazia (ID) – che con questo movimento scompare – ad aderire al progetto, il Raggruppamento Nazionale di Marine Le Pen e la Lega Nord di Matteo Salvini. Anche se questa alleanza è stata resa pubblica solo dopo le elezioni in Francia che il partito di Le Pen aspirava a vincere.

Allo stato attuale, la Camera ospiterà almeno due gruppi di estrema destra, in attesa di sapere se alcuni degli eurodeputati che rimangono come non registrati, compreso il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD), espulso dall’ID prima delle elezioni , riescono a tessere una terza formazione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Perché hanno chiuso questo posto dove i prodotti cinesi venivano venduti in CDMX?
NEXT Il Re della Pista della Serata Anno 4 di Ibai: come funziona, partecipanti e regole