18 persone selezionate per il comitato consultivo del Pulse Memorial

La città di Orlando annuncia la selezione di 18 membri del comitato consultivo per il Pulse Memorial

Aggiornato: 2:55 PM EDT 10 luglio 2024

La città di Orlando sta ancora cercando di consolidare i piani per un memoriale permanente per onorare le 49 vittime della sparatoria al nightclub Pulse, più di otto anni dopo il massacro. I piani per un memoriale permanente sono stati vanificati da anni di dibattiti, polemiche e confusione. Ad aprile, la città, che ora possiede Pulse e sta guidando il progetto commemorativo, ha annunciato di aver assunto una terza parte dal Texas per guidare gli sforzi per coinvolgere le parti interessate che vorrebbero intervenire sul monumento Larry Schooler, che è stato parte di altri sforzi commemorativi per la sparatoria di massa, ha annunciato la creazione del Comitato consultivo per il memoriale di Pulse a giugno. I membri di quel comitato avranno il compito di raccomandare un progetto concettuale per il memoriale entro la fine dell’anno. Schooler ha affermato che il comitato dovrebbe essere composto da membri che rappresentano le famiglie dei sopravvissuti e delle vittime, nonché da leader della comunità e da persone con competenze tecniche esperienza nel design e nell’ingegneria Secondo la città, più di 150 persone hanno fatto domanda per far parte del comitato consultivo del Pulse Memorial. Le domande sono state esaminate senza nomi o informazioni identificative. In totale, sono state scelte 18 persone per far parte del comitato. L’elenco fornito dalla città è il seguente: Aracelis María Jiménez, ha perso un familiare nella tragediaBrett Rigas, sopravvissuto e ha perso un familiare nella tragediaBrian Reagan, sopravvissuto, ex dipendente della Pulse, artistaCarlitos Díaz Rodríguez, familiare di un sopravvissuto, professionista architetto/design, architetto paesaggista, artistaCésar Rodríguez, sopravvissutoFelicia Burt, ha perso un familiare nella tragediaJamie Reed, ha perso un amico nella tragedia, professionista architetto/design, professionista del marketingJoshua García, ex dipendente Pulse, ha prestato servizi dopo la tragedia, salute mentale il professionista Keinon Carter, la sopravvissuta Kelly Dawson, vive nella zona di Orlando e ha sentito la perdita come membro della comunità, l’architetto/designer Rev. Marcelino Rivera, ha perso un amico nella tragedia, ha prestato servizi dopo la tragedia, religioso e artista Mayra Alvear BenabeI, ha perso un familiare nella tragediaNorman Casiano-Mojica, sopravvissuta Nancy Rosado, ha prestato servizi dopo la tragedia, professionista della salute mentale, difensore della comunità, ex primo soccorritore Perry T Snider Jr., ha perso un amico nella tragedia, ex dipendente di Pulse, artista Siclaly “Laly” M. Santiago-León, ha perso un membro della famiglia nella tragedia Terrance Hunter, Pulse, educatore e professionista in visita ai musei o frequenta regolarmente Tommy Connelly, sopravvissuto , artistaIl comitato si riunirà mensilmente fino alla fine dell’anno. Nel primo incontro, che si svolgerà presso il Kia Center il 24 e 25 luglio, verrà deciso il programma completo. Per aumentare la trasparenza del processo, ogni riunione del comitato sarà aperta al pubblico sia di persona che online. Gli incontri saranno disponibili in inglese e spagnolo. Per ulteriori informazioni sugli incontri e sulla possibilità di partecipare virtualmente, fare clic qui Oltre al comitato, la città offre ai sopravvissuti, alle famiglie e ad altri membri della comunità l’opportunità di esprimere la propria opinione il monumento permanente. Una casa aperta, sia in inglese che in spagnolo, si terrà presso il Kia Center il 25 luglio dalle 18:00 alle 20:00. Per ulteriori informazioni sulla tragedia, sugli sforzi commemorativi e sui documenti storici, fare clic qui.

La città di Orlando sta ancora cercando di consolidare i piani per un memoriale permanente in onore delle 49 vittime della sparatoria al nightclub Pulse, a più di otto anni dal massacro.

I piani per un memoriale permanente sono stati vanificati da anni di dibattiti, controversie e confusione.

Ad aprile, la città, che ora possiede Pulse e guida il progetto del memoriale, ha annunciato di aver assunto una terza parte dal Texas per guidare gli sforzi per coinvolgere le parti interessate che vorrebbero intervenire sul memoriale.

Larry Schooler, che ha preso parte ad altre iniziative commemorative per la sparatoria di massa, ha annunciato la creazione del Comitato consultivo per il memoriale di Pulse a giugno. I membri di quel comitato avranno il compito di raccomandare un progetto concettuale per il monumento entro la fine dell’anno.

Schooler aveva affermato che il comitato dovrebbe essere composto da membri che rappresentano le famiglie dei sopravvissuti e delle vittime, nonché da leader della comunità e da persone con competenze tecniche nel campo della progettazione e dell’ingegneria.

Secondo la città, più di 150 persone hanno fatto domanda per far parte del comitato consultivo del Pulse Memorial. Le domande sono state esaminate senza nomi o informazioni identificative.

In totale, 18 persone sono state scelte per far parte del comitato. L’elenco fornito dal Comune è il seguente:

  • Aracelis María Jiménez, ha perso un familiare nella tragedia
  • Brett Rigas, sopravvissuto e ha perso un familiare nella tragedia
  • Brian Reagan, sopravvissuto, ex dipendente della Pulse, artista
  • Carlitos Díaz Rodríguez, familiare di un sopravvissuto, architetto/designer professionista, paesaggista, artista
  • César Rodríguez, sopravvissuto
  • Felicia Burt, ha perso un familiare nella tragedia
  • Jamie Reed, ha perso un amico in una tragedia, architetto/professionista del design, professionista del marketing
  • Joshua García, ex dipendente della Pulse, ha prestato servizio dopo la tragedia, professionista della salute mentale
  • Keinon Carter, sopravvissuto
  • Kelly Dawson, vive nella zona di Orlando e ha sentito la perdita come membro della comunità, architetto/professionista del design.
  • Il Rev. Marcelino Rivera, che ha perso un amico nella tragedia, ha prestato servizio dopo la tragedia, sacerdote e artista
  • Mayra Alvear BenabeI, ha perso un familiare nella tragedia
  • Norman Casiano-Mojica, sopravvissuto
  • Nancy Rosado, ha fornito servizi dopo la tragedia, professionista della salute mentale, sostenitrice della comunità, ex primo soccorritore
  • Perry T Snider Jr., ha perso nella tragedia un amico, ex dipendente della Pulse, artista
  • Siclaly “Laly” M. Santiago-León, ha perso un familiare nella tragedia
  • Terrance Hunter, Pulse, educatore e professionista museale che visita o frequenta regolarmente
  • Tommy Connelly, sopravvissuto, artista

Il comitato si riunirà mensilmente fino alla fine dell’anno. Nel primo incontro, che si svolgerà al Kia Center il 24 e 25 luglio, verrà deciso il programma completo.

Per aumentare la trasparenza del processo, ogni riunione del comitato sarà aperta al pubblico sia di persona che online. Gli incontri saranno disponibili in inglese e spagnolo.

Per maggiori informazioni sugli incontri e sulla possibilità di partecipare virtualmente, clicca qui.

Oltre al comitato, la città offre ai sopravvissuti, alle famiglie e ad altri membri della comunità l’opportunità di fornire il proprio contributo al memoriale permanente. Un open house, sia in inglese che in spagnolo, si terrà presso il Kia Center il 25 luglio dalle 18:00 alle 20:00.

Per ulteriori informazioni sulla tragedia, sugli sforzi commemorativi e sui documenti storici, fare clic qui.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La finale della Copa América è ritardata di mezz’ora a causa dei tifosi “pazzi”.
NEXT Premio fino a 5 milioni di dollari per il miglior progetto di monitoraggio in Amazzonia