Il nuovo primo ministro britannico Keir Starmer offre un forte sostegno all’Ucraina al vertice della NATO

Il nuovo primo ministro britannico Keir Starmer offre un forte sostegno all’Ucraina al vertice della NATO
Il nuovo primo ministro britannico Keir Starmer offre un forte sostegno all’Ucraina al vertice della NATO

WASHINGTON (AP) – Il neoeletto primo ministro britannico Keir Starmer è salito sulla scena internazionale con un forte segnale di sostegno all’Ucraina al vertice della NATO a Washington.

Dopo che lui e altri leader europei hanno incontrato i legislatori americani, Starmer mercoledì si è incontrato con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy. Si abbracciarono, sorridenti, prima di avere conversazioni private. Starmer ha poi riaffermato il sostegno incondizionato del Regno Unito a Kiev nella sua lotta contro l’invasione russa.

Starmer ha detto che lui e il suo nuovo governo laburista “coglieranno l’opportunità che ci viene data qui con i nostri alleati per assicurarsi che (i membri della NATO) accettino tale sostegno”.

All’arrivo al vertice, Starmer ha aggiunto che per lui era importante anche “rafforzare, nel senso che questo è un messaggio al (presidente russo Vladimir) Putin, la determinazione della NATO: più grande ora che mai, più unita che mai e assolutamente chiara nella sua posizione riguardo alla minaccia di aggressione russa”.

Starmer avrà anche un incontro bilaterale con il presidente Joe Biden, in cui entrambi i leader dovrebbero riaffermare la “relazione speciale” tra Stati Uniti e Regno Unito che è stata un segno distintivo della cooperazione transatlantica per più di un secolo.

Alla cerimonia di arrivo al vertice, Biden e Starmer si sono stretti la mano un po’ più a lungo di quanto Biden abbia fatto con gli altri leader, anche se le loro parole non sono state udibili.

Starmer lasciò Londra dopo essere stato eletto con una vittoria schiacciante il 4 luglio. Dice che il suo messaggio al mondo dal Regno Unito è “siamo tornati”, dopo anni di controversie con i suoi vicini europei sul divorzio del governo britannico dall’Unione Europea e un’estenuante saga politica in patria.

Il nuovo primo ministro ha dato priorità alla sicurezza – una questione che comprende economia, energia e difesa – nell’agenda politica nazionale. Vuole ricostruire i legami con l’Unione Europea dopo la Brexit, anche firmando un patto di difesa e sicurezza con il blocco di 27 nazioni, e rassicurare l’Ucraina che non ci sarà alcun cambiamento nel sostegno britannico che riceve.

A tal fine, Starmer ha promesso di aumentare la spesa per la difesa del Regno Unito dall’attuale 2,3% del prodotto interno lordo al 2,5%. Ma non ha fissato una data, a differenza del precedente governo conservatore, che si era impegnato a raggiungere questo obiettivo entro il 2030.

___

Lawless e Kirka hanno riferito da Londra.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’IREC celebra i suoi 25 anni di ricerca come riferimento nella gestione della caccia e della fauna selvatica
NEXT Non hai ancora registrato la targa della tua auto? Guida passo passo per comprendere la nuova legge