La vicepresidente è fuori pericolo dopo l’attacco al suo sistema di protezione: UNP

La vicepresidente è fuori pericolo dopo l’attacco al suo sistema di protezione: UNP
La vicepresidente è fuori pericolo dopo l’attacco al suo sistema di protezione: UNP

La vicepresidente della Colombia, Francia Márquez, è fuori pericolo dopo un attacco armato perpetrato contro la sua carovana di sicurezza nel dipartimento di Cauca. L’incidente è avvenuto intorno alle 13:30, mentre i veicoli della protezione tornavano da un evento ufficiale nel comune di Suárez.

Secondo quanto riferito dall’Unità di Protezione Nazionale (UNP), due auto della scorta di sicurezza del vicepresidente sono state colpite da colpi di arma da fuoco. Nonostante la gravità dell’attacco, nessuno degli occupanti è rimasto ferito.

Va notato che Márquez non era presente sul luogo dei fatti, poiché aveva precedentemente viaggiato in elicottero da Cali a Suárez e viceversa.

“Fuori pericolo, vicepresidente Francia Márquez. Due veicoli del programma di protezione del vicepresidente Francia Márquez sono stati colpiti da proiettili di arma da fuoco, questo pomeriggio, alle 13:30, mentre tornavano dal servizio nel comune di Suárez, Cauca. Gli addetti alla protezione sono fuori pericolo. Il vicepresidente non era sul posto. Il dottor Márquez ha viaggiato in elicottero e ha percorso il percorso Cali-Suárez-Cali“, ha riferito l’UNP.

Secondo un comunicato della Vice Presidenza, il veicolo principale della delegazione è stato colpito da un proiettile, presumibilmente proveniente da un fucile, pochi istanti prima di entrare nella città di Timba.

L’attacco è avvenuto poco dopo che la vicepresidente e ministra dell’Istruzione uscente, Aurora Vergara, avevano lasciato il municipio di Suárez dopo aver visitato il terreno destinato alla futura sede dell’Università del Valle per il Nord del Cauca.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il messaggio per gli Stati Uniti è più importante di quello trasmesso all’Iran
NEXT Albares sottolinea l'”alta visione” e il “senso dello Stato” di Biden con le sue dimissioni dalla rielezione