Ciclo di sguardi incrociati: le organizzazioni di Valparaíso riflettono sul territorio

INSOMNIA Teatro Condell realizzerà ancora una volta la serie Cruzando Miradas, un progetto che cerca di connettere diverse organizzazioni culturali e artistiche di Valparaíso per riflettere sui film cileni e del mondo su temi che toccano direttamente il territorio. Quest’anno il ciclo inizia con Ocean Culture in 360° dell’Università di Valparaíso e prosegue con l’Espacio La Compañía, il Museo di Storia Naturale di Valparaíso e il Teatro Museo del Títere y el Payaso. Tutte le attività sono gratuite per il pubblico, non necessitano di registrazione preventiva e sono possibili grazie al Fondo per lo Sviluppo dell’Audiovisivo, nella linea Formazione del Pubblico per gli audiovisivi del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Ocean Culture in 360° è un progetto dell’Università di Valparaíso finanziato dal Ministero della Scienza, Tecnologia, Conoscenza e Innovazione, attraverso la Scienza Pubblica, e il suo obiettivo è che i cittadini comprendano anche gli effetti sociali della ricerca sull’oceano come argomenti importanti legati all’oceano. In questo senso, attraverso le sue azioni cerca di conoscere e comprendere l’influenza che l’oceano esercita su di noi e l’influenza che noi esercitiamo sull’oceano, poiché ciò è essenziale per vivere e agire in modo sostenibile.

Per Pilar Muñoz, Coordinatrice della Cultura Oceanica di 360°, ha spiegato che: “La Cultura Oceanica cerca di far capire alle persone come l’oceano ci avvantaggia ogni giorno, ad esempio, ci fornisce l’ossigeno che respiriamo, regola la temperatura del pianeta, dà cibo, luoghi di svago. Allo stesso tempo, le persone comprendono l’impatto delle nostre azioni sulla sostenibilità dell’oceano. Quindi, questo ciclo Crossing Looks si occupa della cultura oceanica perché l’oceano non può essere insegnato in modo tradizionale, deve esserci coinvolta l’arte. Queste 3 opere che vedremo, senza dubbio, aumenteranno la sensibilità delle persone nei confronti dell’oceano, facendo loro comprendere l’importanza che l’oceano ha nella nostra vita e l’impatto che stiamo causando come esseri umani.”

In questo senso, Cruzando Miradas è un contributo poiché: “per fare divulgazione scientifica dobbiamo occupare le istanze artistiche, perché ciò realizza una connessione emotiva con il pubblico, con le persone, e collegandosi emotivamente le persone conoscono l’oceano, amano l’oceano e questo modo in cui contribuiscono a preservarlo. Quindi queste 3 opere saranno fondamentali per sensibilizzare le persone affinché possiamo contribuire alla sostenibilità dell’oceano e del pianeta, diventando consapevoli delle nostre azioni”.

Da parte sua, Claudio Pereira, programmatore di INSOMNIA, ha spiegato che: “Crossing look è un programma di formazione che mira a incrociare visioni su un fenomeno o problema, nonché ad incrociare il pubblico fedele verso altri ambiti oltre il campo dell’audiovisivo. In particolare, il programma cerca nuove strategie per sedurre e attivare un pubblico curioso interessato a diversi ambiti come l’ambiente, il patrimonio, la storia naturale e il mondo del circo.”

“In questo primo ciclo dell’anno di “Sguardi incrociati: il nostro territorio” ci rapportiamo con l’Università di Valparaíso, in particolare con l’attraente progetto Cultura oceanica a 360° che, attraverso le nuove tecnologie immersive, fornisce una nuova visione al nostro territorio costiero zona della regione che verrà valorizzata con visibilità nello spazio INSOMNIA Teatro Condell. In 2 sessioni, verrà effettuata una mediazione con documentari, in primo luogo sull’impatto dell’industria del salmone come “Puri, il cammino dell’acqua” e “Estado salmonero” del regista Daniel Casado E, in secondo luogo, il documentario “Tunquén,. un santuario ferito” di Francisca Santamaría e José Miguel Sauvalle sui danni e la cura di un territorio vicino”, dice Pereira.

Mercoledì 3 luglio alle 17:00 Verranno proiettati i cortometraggi: “Puri, el camino del agua” e “Estado salmonero” del regista Daniel Casado. In questa occasione, Pilar Muñoz, coordinatrice del progetto Ocean Culture in 360° presso l’Università di Valparaíso, e Nicolás Pérez, biologo marino e divulgatore scientifico, parteciperanno alla conversazione. La giornata di mercoledì 10 luglio alle ore 17:00. Verrà proiettato il cortometraggio “Tunquén, un santuario ferito” dei registi Francisca Santamaría e José Miguel Sauvalle. Oggi, Pilar Muñoz e Tiffany Cataldo, biologa marina e consigliera legislativa del Senato cileno, parteciperanno al cineforum. Entrambe le istanze saranno moderate da Claudio Pereira, programmatore di INSOMNIA.

Il ciclo completo “Cruzando Miradas” è ad ingresso gratuito e senza registrazione preventiva. Nel mese di agosto questa iniziativa sarà realizzata insieme a Espacio La Compañía, con un focus sul patrimonio insieme ai documentari “…A Valparaíso” del regista Joris Ivens e “Popolazione Márquez”, del regista e accademico Rodrigo Cepeda. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.insomniacine.cl.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV AM GPS per giovedì 18 luglio 2024
NEXT Il parco Princesa Leonor è incorporato nella mappa di Logroño