Dialogo. Raccontare la guerra dalla pace

In un pianeta devastato da molteplici crisi, in un clima di disinformazione e narrazioni belligeranti, è essenziale recuperare la parola e ascoltare, andare più in profondità per comprendere oltre i nostri schemi, connetterci a partire dai valori che ci uniscono, offrire risposte reali e vicine.

Questo dialogo solleverà alcune domande fondamentali per garantire l’attenzione alla pace e ai diritti umani nel giornalismo e nelle comunicazioni. Quali modi ci sono per raccontare la guerra? Come contribuisci a un certo immaginario sociale? È possibile promuovere una cultura di pace e di dialogo attraverso la comunicazione e il giornalismo? Parlare di pace è meno attraente che parlare di guerra? Come comprendiamo l’origine e le conseguenze dei conflitti armati a livello sociale? Che immagine abbiamo dei paesi in cui si verificano i conflitti? Stiamo visualizzando la responsabilità di coloro che promuovono le guerre? Siamo meno sensibili all’orrore della guerra? Chi recita nelle storie che vediamo? È possibile promuovere la giustizia sociale, la memoria, la riparazione e la costruzione della pace attraverso il giornalismo?

Avremo giornalisti e fotoreporter con vasta esperienza:

Anna Surinyach, fotografo documentarista e redattore grafico della rivista 5W. Il suo lavoro si è concentrato sulla documentazione dei movimenti di popolazione e delle crisi umanitarie in diverse parti del mondo. Ha pubblicato su media nazionali e internazionali. Ha co-diretto i documentari Misbah e #Boza. Premio Desalambre alla Perseveranza 2020.

Cristina Sanchez, giornalista della sezione internazionale di RNE, corrispondente in diversi paesi in conflitto, in Medio Oriente. Attualmente porta avanti il ​​programma di reportage 5 continenti, su Radio 5, che si rivolge a realtà di tutto il pianeta. Funziona dal punto di vista dei diritti umani.

Oriol Andrés Gallart, giornalista e documentarista. È stato corrispondente dal Medio Oriente (Cadena SER e Televisió de Catalunya). Coeditore della sezione internazionale de La Directa.

moderare: Magda Bandera, giornalista con una vasta esperienza in diversi media, come La Vanguardia e Público. Collaboratrice di programmi televisivi e radiofonici, promotrice di La Marea e direttrice di questo quotidiano dal 2015. Specializzata in reportage con una visione femminista e dei diritti umani.

In collaborazione con:


Comunicazione, Diritti Umani, Pace, Giornalismo

Questo sito web è collaborativo. Il Coordinatore delle Organizzazioni di Sviluppo non è responsabile delle notizie pubblicate dalle ONG partner della rete.

Se sei un’organizzazione partner, pubblica una notizia.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV MIGLIORI OSPEDALI IN SPAGNA | Forbes colloca l’Hospital La Fe nella top ten dei migliori centri di riferimento in Spagna
NEXT La formula che porterà Saúl Ñíguez al Siviglia