Non commettere errori: la chirurgia vascolare ti aspetta in una nuova e migliore sede all’interno dell’Ospedale di Guadalajara

Gli ambulatori di Angiologia, Chirurgia Vascolare e Endovascolare dell’Ospedale Universitario di Guadalajara si trovano ora in nuovi locali.

Gli ambulatori di Chirurgia Vascolare sono stati così spostati dal primo piano al piano terra del vecchio edificio, accanto all’ingresso dell’ospedale più vicino alla stazione dei taxi. Occupano lo spazio dove precedentemente si trovavano le consultazioni geriatriche.

Con il trasferimento gli ambulatori raddoppiano i locali, arrivando a nove, disponendo di un doppio laboratorio di diagnosi vascolare ed eco-doppler, e aumenta anche lo spazio destinato all’Unità Piede diabetico e Ulcere in precedenza aveva una stanza unica e ora ha due spazi diversi.

L’area si completa con i consulti del personale medico e un consulto finale per lo specialista in formazione (residente) in Chirurgia Vascolare.

“Più sicurezza e privacy”, sottolinea il dottor Guerra

Nelle parole del capo del servizio di Angiologia, Chirurgia Vascolare ed Endovascolare dell’Ospedale di Guadalajara, Dott.ssa Mercedes Guerra, il trasferimento del blocco chirurgico all’ampliamento, si aggiunge alla ridistribuzione degli spazi ospedalieri e all’implementazione della nuova area consultazioni rappresenta un miglioramento sia a livello di spazi che di organizzazione, poiché “ci sono ora due circuiti differenziati, uno per i pazienti interni ricoverati e un circuito esterno per i pazienti che vengono dalla strada al loro consulto”.

Questi cambiamenti, dice il dottor Guerra, hanno significato maggiore sicurezza e privacy poiché i pazienti allettati e gli utenti che accedono alla consultazione dalla strada non convergono. Offre inoltre maggiore comfort agli utenti migliorando l’area di attesa, situata accanto all’ingresso, e dispone di una sala riunioni e di uffici per il personale amministrativo.

In attesa della sala operatoria ibrida

D’altro canto, il servizio di Chirurgia Vascolare di Guadalajara sarà rafforzato in autunno con l’avvio della sala operatoria ibrida. Si tratta di una sala operatoria la cui superficie raddoppia quella di una sala operatoria tradizionale ed è dotata di avanzati sistemi di imaging radiodiagnostico che garantiscono grande precisione e la possibilità di ottenere immagini di alta qualità durante l’intervento, oltre ad eseguire scansioni TC intraoperatorie. È di grande utilità per eseguire interventi chirurgici complessi e interventi endovascolari in modo più rapido, meno invasivo e con maggiore sicurezza.

“Il passaggio all’espansione ci permette di ridistribuire e dare nuovo uso agli spazi della parte vecchia, riavvicinando le dipendenze per offrire un’assistenza migliore in spazi più ampi e confortevoli”, sottolinea il responsabile dell’Area Integrata di Guadalajara, Elena Martin.

Così, lo scorso anno hanno potuto unificare nell’area precedentemente occupata dal Day Hospital Oncoematologico, al piano 3B, i ambulatori di Medicina Interna, il Consulto Diagnostico Rapido (CDR) e l’Unità Primaria-Continuità Interna delle Cure (UCAPI). con il day Hospital medico e le sale di cura, fino ad allora disperse nei diversi piani dell’ospedale.

Allo stesso tempo, spiega il responsabile, così come l’area che prima fungeva da consultorio geriatrico ora ha ospitato consulti di Chirurgia Vascolare, l’area precedentemente occupata da consulti di Psichiatria ha consentito di ampliare gli spazi per le consultazioni ambulatoriali di Neurologia e di creare un consultorio di Neuropediatria, e a breve verranno realizzati due nuovi ambulatori che andranno ad ampliare quelli per la specialità Reumatologia.


Maggiori informazioni:

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Venezia ottiene 2,2 milioni di dollari di tasse pilota per i turisti. Gli oppositori affermano che non è riuscito a scoraggiare i visitatori.
NEXT TRUFFA ID | Fai attenzione con la tua carta d’identità! La Polizia di Stato mette in guardia da questa nuova truffa