Breaking news
Flow presenta in anteprima il film: “Los Justos” -

“È responsabile del fatto che Sánchez continui il suo colpo alla Costituzione”

Il presidente di Vox, Santiago Abascalha presentato giovedì il leader del PP, Alberto Núñez Feijóo, come il responsabile della disgregazione dei governi che i due partiti condividono in cinque comunità autonome, per aver accettato la distribuzione delle arte per alleviare la situazione critica che stanno attraversando le Isole Canarie.

Oggi Vox è solo di fronte al tradimento di Sánchez e alla truffa di Feijóo“ha sottolineato.

Nelle dichiarazioni ai giornalisti nei corridoi del Congresso dei Deputati, Abascal ha sostenuto che Feijóo “Oggi è protagonista della più grande truffa della politica spagnola“, è responsabile che Sánchez possa continuare con il suo colpo alla Costituzione, seminando rovina, e con la sua corruzione politica e familiare.”

Il leader di Vox ha sostenuto che Feijóo “ha cercato fin dall’inizio di impedire patti regionali con Vox e non si è fermato finché non sono diventati impossibili”, accettando la distribuzione dei arte concordato mercoledì in occasione della conferenza settoriale tenutasi a Tenerife.

Abascal ha sostenuto che Vox è debitore solo nei confronti dei suoi elettori e non si piegherà a questo tipo di accordo. “Nessuno ha votato per noi”, ha affermato davanti ai giornalisti, “per accettare la politica di immigrazione di Pedro Sánchez, né la distribuzione dei giudici”, ha aggiunto a proposito del patto di rinnovo del CGPJ, “né la distribuzione dei giudici”. arte“.

Perché i due grandi partiti, ha precisato, “condividono la Corte costituzionale, la Corte dei conti, il collegio elettorale, le commissioni parlamentari della RTVE e i seggi a Bruxelles”

Intanto – ha aggiunto –Distribuiscono solo tasse agli spagnoli, immigrazione clandestina e artecioè insicurezza e rovina”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Banco Provincia lancia gli elettrodomestici con 24 rate senza interessi: come comprarli
NEXT Stanno riattivando l’urbanizzazione di 40 ville a Nós, ferma dal 2009, che includerà un’area di autoagricoltura