Affari BAE | Le riserve petrolifere dell’OCSE hanno raggiunto livelli record a maggio

Riserve di petrolio greggio e prodotti petroliferi nei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) a maggio è cresciuto a 2.845 milioni di barili (mb), raggiungendo il suo massimo da luglio 2021, secondo il rapporto mensile pubblicato questo giovedì dall’Agenzia internazionale per l’energia (IEA).

“Le riserve commerciali (di petrolio e prodotti petroliferi) del OCSE A maggio sono aumentati per il secondo mese consecutivo di 27,8 mb, dopo essere diminuiti per sei mesi. Si sono attestati a 2.845 mb, raggiungendo il livello più alto da luglio 2021″, ha osservato l’IEA.

Tuttavia, le riserve sono rimaste 69 Mb al di sotto della media raggiunta tra il 2019 e il 2023.

I dati preliminari per giugno mostrano che le riserve commerciali della società OCSE sono diminuiti di 10,3 mb, poiché il calo del loro livello in Europa (-11 mb) e Giappone (-4,1 mb) è stato solo parzialmente compensato dall’aumento negli Stati Uniti (+4,8 mb).

Le riserve mondiali osservate di petrolio sono aumentate per il quarto mese consecutivo a maggio di 23,9 mb, ha aggiunto l’organizzazione.

L’obiettivo iniziale dell’accordo dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei suoi alleati (OPEC+) è che le riserve commerciali globali di petrolio e prodotti petroliferi grezzi raggiungano il livello medio quinquennale.

I firmatari dell’accordo monitorano più attivamente le riserve nei paesi del OCSE.

Nel 2021, i membri dell’OPEC+ hanno iniziato a concentrarsi su un ulteriore indicatore oggettivo: il valore medio delle riserve petrolifere nel periodo 2015-2019, poiché nel 2020 erano a un livello anormalmente elevato per quasi tutto l’anno.

Fuente: Sputnik

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Content Advisory Council di Meta presenta il suo rapporto annuale con i risultati ottenuti
NEXT Bogotá Eats, un grande festival: 12 luglio 2024 – Blu 4.0, programma completo