La leggendaria villa londinese di Freddie Mercury è in vendita per 35 milioni di euro

Situata nel lussuoso quartiere di Kensington sorge una delle case più visitate del pianeta: la villa dove visse Freddie Mercury, leader della band Queen. Una casa, Garden Lodge, di cui molti conoscono solo il muro esterno, alto più di due metri e mezzo, pensato per proteggere la stella da occhi indiscreti.

L’artista lo acquistò nel 1980 dopo essersi innamorato a prima vista della proprietà, e lì stabilì la sua residenza. Anche lì dove morì nel 1991 a causa della sua malattia, legata all’HIV. Garden Lodge non è mai stato aperto al pubblico, ma dopo la morte dell’artista, Mary Austin, una delle sue amiche più care, lo ereditò e ne fece la sua casa per più di tre decenni. Adesso lo mette in vendita per una cifra pari al suo valore nella storia della musica: 30 milioni di sterline (circa 35 milioni di euro, al cambio).

La famosa corona e il mantello indossati da Freddie Mercury sono solo due degli oggetti messi all’asta per milioni qualche mese fa da Sotheby’s.

Yui Mok

A 72 anni, l’amico intimo di Mercury mette in vendita l’immenso patrimonio, proseguendo il successo dell’ultima asta legata all’artista, in cui sono stati raccolti oltre 50 milioni di euro dalla vendita dei suoi averi. Parte dei profitti sono stati donati al Mercury Phoenix Trust e alla Elton John HIV Foundation.

Secondo la giornalista Sarah Rappaport per BloombergNews, Austin era con l’ex frontman dei Queen quando acquisì la proprietà. L’artista si innamorò del “silenzio e della pace” che regnavano in tutta la casa e decise di acquistarla lo stesso giorno. Il cantante cercava un rifugio a Londra, un luogo dove poter creare e lavorare in pace senza dover affrontare le molestie dei media.


Più di otto piedi di muro separano la favolosa dimora dall’esterno.

GTRE

Otto camere da letto, due imponenti soggiorni, una sala da pranzo dove l’artista organizzava le sue cene imponenti; tutto è stato decorato e progettato al millimetro dall’artista, che “non riusciva a convincere il decoratore a corrispondere alle idee che aveva in testa”, ricorda Austin, “doveva farlo da solo”. Inclusa la carta da parati del muro. Cucina, due bagni completi solo nella suite dove dormiva Mercury, una stanza principale, il suo studio e altre due stanze per l’intrattenimento.

La casa dispone anche di un enorme giardino di ispirazione giapponese che Mercury ha voluto emulare i famosi giardini di Kyoto, con un pergolato in legno e un laghetto con carpe originarie del paese giapponese. Un rifugio da sogno, che isola chi vive da ciò che accade dall’altra parte del muro, e si trova a soli dieci minuti dal centro della capitale britannica.

L’artista ha progettato la sua casa al millimetro, perché non riusciva a far capire le sue idee al decoratore

“La stampa lo perseguitava incessantemente affinché facesse coming out. Non l’ha fatto… perché avrebbe dovuto?”, chiede Austin. “Questa casa gli ha dato la meravigliosa sensazione di poter creare, vivere e avere privacy allo stesso tempo.”

Dopo la morte dell’artista, Austin ereditò la proprietà, che ha mantenuto quasi intatta durante gli oltre 30 anni in cui ha vissuto lì. “Avevo lavorato alla casa con lui e per lui. Sarà sempre sua. Era il suo sogno. Era la sua visione”, dice. Ora, vuoto senza gli averi di Mercurio dopo l’asta, è pronto per la vendita. Austin è pronto per iniziare una nuova vita altrove.

Orizzontale

Freddie Mercury, nella sua villa londinese, con Jim Hutton.

Altre fonti

“L’ultima cosa che voglio è che qualcuno dica che lo stanno comprando, sfruttando o demolendo”, si lamenta Austin. “Questo è unico, ha la sua bellezza. So che ha uno scopo per qualcuno. Aveva uno scopo per Freddie.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Yuqi degli (G)I-DLE annuncia la data ufficiale del debutto solista e pubblica i primi sorprendenti teaser di “Could It Be”