La nipote di Elvis Presley, Riley Keough, intenta una causa per impedire la vendita di Graceland, la villa dell’artista

Era stata messa all’asta la villa per un debito di 3,8 milioni di dollari ma la nipote del cantante sostiene che i documenti sono stati falsificati

Questo giovedì un’asta di Gracelandil palazzo di Elvis Presleyma un giudice di Memphis lo ha bloccato dopo che la nipote dell’artista, Riley Keough, ha richiesto un ordine restrittivo temporaneo e ha intentato una causa.

Un avviso pubblico afferma che il Promenade Trust, che gestisce il museo di Graceland, deve 3,8 milioni di dollari dopo essere stato inadempiente su un prestito del 2018. Keough ha ereditato la fiducia e la proprietà della casa dopo la morte di sua madre, Lisa Marie Presley, l’anno scorso.

A quanto pare, Lisa Marie Presley l’avrebbe usato Graceland a garanzia dell’ottenimento del mutuo, secondo l’avviso di pignoramento previsto. Ma Keough, per conto del Promenade Trust, ha intentato una causa la scorsa settimana, sostenendo che la società di investimento Naussany ha presentato documenti fraudolenti in relazione al prestito nel settembre 2023.

“Lisa Maria Presley non ha mai preso in prestito denaro da Naussany Investments e non ha mai dato loro un atto di fiducia”, ha detto l’avvocato di Keough nella causa.

Inoltre, Kimberly Philbrick, il notaio il cui nome appare sui documenti, ha indicato di non aver mai incontrato Lisa Marie Presley né di aver autenticato alcun documento per lei, secondo il documento del tribunale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT 31 maggio 2024 – Voz Populi, programma completo