“Molte persone non sanno…”: il documentario dei Beach Boys descrive in dettaglio il legame di Charles Manson con la band

“Molte persone non sanno…”: il documentario dei Beach Boys descrive in dettaglio il legame di Charles Manson con la band
“Molte persone non sanno…”: il documentario dei Beach Boys descrive in dettaglio il legame di Charles Manson con la band

Lui il leggendario Alan “Al” Jardine dei Beach Boys parlato con DNA.cl sul prossimo documentario che sarà presentato in anteprima su Disney+ questo venerdì 24 maggio. Il musicista, membro fondatore della band, ha condiviso i suoi pensieri sull’importanza di questa produzione e alcuni dei momenti salienti che i fan possono aspettarsi.

“È una storia fantastica” ha commentato l’artista, riferendosi alle umili origini della band. “Iniziamo a scuola. Brian [Wilson] ed io eravamo studenti e giocavamo a calcio insieme. Un giorno abbiamo iniziato a cantare ed è così che è iniziato tutto”, ha detto.

In esso, Jardine ha ricordato come, pur non avendo strumenti all’inizio, Sono riusciti a registrare la loro prima canzone: urfin USA.

In questo senso, Jardine ha sottolineato che il documentario mostra “l’evoluzione della musica fin dai primi tempi”, così come “lo stile di vita dei beach boys”.

Alan “Al” Jardine / VALERIE MACON

Ingrandire

I Beach Boys e Charles Manson?

Un aspetto particolarmente oscuro e meno conosciuto della storia dei Beach Boys è il loro legame con Charles Manson, soprattutto attraverso Dennis Wilson. “Penso che quella parte sia stata un momento molto oscuro. Molto buio”, ha detto Al.

Il documentario affronta anche altre influenze significative nella vita del gruppo, come la loro ricerca della meditazione trascendentale Maharishi Mahesh Yogi. A questo proposito, il musicista ha osservato che, sebbene ci fossero “due forze, buone e cattive” in gioco, la band alla fine è riuscita a ritrovare l’armonia.

Quando gli è stato chiesto cosa possono aspettarsi i fan vecchi e nuovi da questo documentario, Jardine ha risposto che impareranno a conoscere la ricca storia della band fino agli anni ’80. “Non è un documentario completo”, ha ammesso, suggerendo che un seguito sarebbe l’ideale da coprire . tutti gli aspetti importanti della band.

Infine, il membro dei Beach Boys ha inviato un messaggio speciale ai suoi fan in Sud America, incoraggiandoli a godersi il documentario e a continuare ad esplorare la musica della band: “Spero che continuerai ad ascoltare i Beach Boys in futuro. Non solo i successima anche musica della metà degli anni ’70, che è più ponderata e ambient.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Annunciata la classifica della reputazione del marchio dei membri del gruppo Girl di giugno
NEXT 31 maggio 2024 – Voz Populi, programma completo