La canzone dei Beatles in cui gli strumenti e le voci sono stati registrati a velocità diverse ed è una delle loro migliori: Rock&Pop

A metà degli anni ’60, I Beatles sperimentarono diverse tecniche di registrazione e alcuni di questi generati una delle canzoni preferite dai fan.

Al momento della registrazione, il gruppo ha sperimentato il registra voce e musica a velocità diverse. Il risultato è stato una delle canzoni difficili da eguagliare.

L’innovazione dei Beatles con le registrazioni

Nel 1966 i Beatles scrivevano canzoni influenzato dalla sua recente sperimentazione con l’LSD e la convinzione che la coscienza superiore può essere trovata dentro di sé.

Uno di quelli usciti da quel circolo fu il singolo “Piovere“. La canzone di solito Si ritiene che sia una creazione di John LennonSebbene Paul McCartney Ha affermato che è stato co-scritto.

“Non credo che abbia avuto l’idea originale, Proprio quando ci siamo seduti per scrivere, ha iniziato. Le canzoni hanno tradizionalmente trattava la pioggia come qualcosa di brutto e concludeva che non lo era affatto. Non c’è sensazione più grande della pioggia che ti cade lungo la schiena. La cosa più interessante non era la scrittura, che era inclinata di 70-30 verso John, ma la registrazione” Ha detto McCartney nel libro Molti anni da adesso di Barry Miles.

I Beatles lo scoprirono durante le sessioni dell’album Mescolata (1966) che rallentando le sue registrazioni rivelò un nuovo suono. Ecco perché hanno registrato la traccia ritmica di “Rain” ad un ritmo veloce. Poi Hanno rallentato il nastro per abbassare il tono della canzone..

L’ingegnere del suono Geoff Emerick ha raccontato come è stata realizzata la canzone. “Gli scarafaggi Hanno riprodotto la traccia ritmica molto velocemente, quindi quando il nastro veniva riprodotto a velocità normale tutto sarebbe stato molto più lento, cambiando la consistenza. “Se lo avessimo registrato a velocità normale e poi avessimo dovuto rallentare il nastro ogni volta che volevamo ascoltarne una riproduzione, sarebbe stato molto più lavoro”, ha detto in Le sessioni di registrazione complete dei BeatlesMark Lewisohn.

Un suono caratteristico

Il suono di La batteria di Ringo Starr e il basso di Paul McCartneyentrambi rilanciati, sono stati fondamentali per il risultato finale.

La batteria è diventata una batteria gigante…Abbiamo ottenuto un accompagnamento grande, pesante e fragoroso e poi ci abbiamo lavorato sopra come al solito, in modo che non suonasse come qualcosa di rallentato, ma avesse solo un grande rumore minaccioso. Lui. È stato bello, mi sono davvero divertito” ha aggiunto il musicista.

Ringo Starr più tardi disse che “Rain” era tra le sue performance preferite in una registrazione dei Beatles. Mi sento come se qualcun altro stesse giocando: ero posseduto! Penso di aver giocato in modo fantastico“Aggiunse Ringo Molti anni da adesso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Ed Sheeran annuncia un concerto a Madrid nel maggio 2025