Wos tiene una lezione magistrale di rap argentino a Siviglia

Wos tiene una lezione magistrale di rap argentino a Siviglia
Wos tiene una lezione magistrale di rap argentino a Siviglia

Chiunque amante del rap sapere che Argentina È diventata un’enclave da guardare all’interno della mappa di questo genere. Se il rock inondasse la scena e segnasse a l’età d’oro Negli anni ’80 – grazie a musicisti rinomati come Fito Paez o Soda Stereo – l’hip-hop ha fatto lo stesso oggi. Molti dei combattimenti di galli Il quinto passo -tenutisi nel Parco Rivadavia di Buenos Aires- hanno viaggiato in tutto il mondo, trasformando questo evento in un terreno fertile per molti rapper nativi. Sono molti quelli che hanno fatto un esercizio di improvvisazione in questa competizione. Da Duqui o Paulo Londra a Ysy A, passando per lo stesso Bizarrap. E naturalmente, Perditeprotagonista della serata offerta ieri sera dal festival Iconico Festival di Santalucia Siviglia.

L’artista è considerato una figura essenziale nel panorama attuale. A soli 26 anni è riuscito a realizzare rime cariche di messaggi politici. Versi che nuotano in mezzo riflessione vitaleLui pensiero criticocaduto in questi tempi – e il catarsi. Tra oscurità ed estasi. Il tutto condito da ritmi che scorrono tra il rock e la musica urban – quella classica boom-bap– con armonia.

Ieri è venuto a presentare il suo ultimo lavoro che porta il nome di Monouso ed è salito sul palco in orario in una Plaza de España che era timidamente piena rispetto ad altri recital. Naturalmente con alcuni regali totalmente dedicati da quando i musicisti hanno iniziato a suonare i primi accordi Nuove coordinate. Supportato da una meravigliosa band che, all’inizio, poteva essere ascoltata sopra la voce dell’artista, ha realizzato questo terzo album pieno di riflessioni intime che trasudano poesia e denuncia. Quindi intono Monouso, 7/8 e il meraviglioso Morfeo che giudica “La noia di conformarsi alle abitudini / Che il giudice collettivo di quali siano le regole valide”.

Il cantante Wos circondato dalla sua band.
/ Uccello

“Buonasera. Come sta Siviglia? Grazie per questa accoglienza”, sono state le prime parole del nativo di Buenos Aires prima di intonare abusivo, uno dei suoi classici. Sono stati particolarmente cantati canguro e naturalmente, Arrancarmelo. Quest’ultimo è diventato l’inno della squadra argentina quando vinse la Coppa del Mondo nel dicembre 2022. Ieri sera era tutto calcio. “Grazie, pazzesco. Siamo lontani da casa, quindi questo affetto è molto apprezzato. Invieremo energia a coloro che sono lontani”, ha detto l’artista dopo aver cantato la canzone diventata virale.

E con disinvoltura, tra accordi rock intrecciati con ritmi punk e suoni più melodici, l’argentino ha fatto un viaggio attraverso la sua discografia. Dopo Melone vino e Contare le pecore è arrivato uno dei momenti più speciali della serata. L’artista ha osato mostrare le sue capacità facendo beatbox in un faccia a faccia con il batterista. Pura riproduzione di percussioni che ha lasciato tutti in un silenzio pietroso. Subito dopo questo battagliail rapper ha fatto a improvvisazione che trasformò Plaza de España nel Quinto Gradino. Ha pubblicato alcune rime in cui parlava dei suoi inizi, del suo destino, del fare “vero rap in modo artigianale” e di Siviglia e del “suo colore speciale”.

Dopo questa dimostrazione di abilità e ingegno, è tornato ai suoi inizi con Colpa e luce del crimine. Ma, senza dubbio, ha rimesso tutti in tasca brucerai. Una canzone che condivide con Indio Solari, fondatore della band Los Redondos e icona del rock argentino. Sono arrivati teste cromate e anima dinamite per tingere di luci viola il monumento storico Viola. Il pubblico non smetteva di saltare nel coro di quest’ultimo al ritmo di “Continuiamo questa danza / La danza di chi resiste a ballare / Anche se non vogliono che siamo nessuno”.

Di fronte al tratto finale, l’artista ha invitato lo stesso Nicoletta che si esibirà oggi, sabato, al Puro Latino. I due connazionali si sono esibiti -e ballati- cambiando la pelle, scatenando la follia tra i partecipanti. Per concludere la serata, Wos ha salutato con Malinconia e Il garage invitando tutti a lasciare “lì le cattive energie” e a lasciare i locali “un po’ di più leggero“. L’argentino ha così chiuso una delle migliori lezioni di rap – con il permesso della SFDK – che siano state offerte in Plaza de España.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV STRYPER – Slash – SCOPERTA – ASCESA – WWW.RAFABASA.COM
NEXT Il leggendario musicista tedesco che ha visitato i Metallica a Madrid