Il massacro a Gaza continuerà finché l’Occidente sosterrà Netanyahu ed Erdogan – Periódico Invasor

Il massacro a Gaza continuerà finché l’Occidente sosterrà Netanyahu ed Erdogan – Periódico Invasor
Il massacro a Gaza continuerà finché l’Occidente sosterrà Netanyahu ed Erdogan – Periódico Invasor

Finché le potenze occidentali sosterranno il primo ministro Benjamin Netanyahu, l’esercito israeliano continuerà i massacri in Palestina, ha affermato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Il presidente del paese eurasiatico ha accusato direttamente Netanyahu di “alimentare l’antisemitismo” con la sua sanguinosa e prolungata offensiva sulla Striscia di Gaza, e ha avvertito che mette in pericolo anche la popolazione israeliana per “prolungare la sua vita politica”, ha affermato la stampa nazionale .

Se l’espansionismo sionista continua in questo modo, il nostro mondo provocherà nuovi conflitti (…) È necessario fermare l’amministrazione israeliana prima che venga versato altro sangue, muoiano altri bambini e donne e si perda la speranza per l’umanità, ha osservato Erdogan.

Le autorità israeliane hanno dimostrato le loro vere intenzioni ignorando la proposta di cessate il fuoco approvata dal Movimento di resistenza islamica (Hamas) e hanno deciso di attaccare Rafah, ha affermato il presidente turco, che ha accusato l’esercito israeliano di aver ucciso più di 35mila persone, tra cui 15mila bambini .

Quella zona “era già una prigione a cielo aperto a causa del blocco (…) ora è un enorme cimitero di bambini”, ha affermato, secondo il quotidiano Hurriyet.

Israele ha perso questa guerra brutale agli occhi dell’umanità, mentre la popolazione di Gaza ha scritto ancora una volta il proprio nome nella Storia. Con il permesso di Dio, la causa palestinese otterrà la vittoria con la creazione di uno Stato basato sui confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale, ha affermato Erdogan.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Lotteria Cauca: risultati dell’estrazione di oggi, sabato 15 giugno 2024
NEXT L’Occidente autorizza l’uso delle armi concesse all’Ucraina per la sua difesa contro la Russia