45 anni fa iniziò una guerra tra console. Oggi è finalmente finita: Atari ha acquistato Intellivision

La guerra tra console, sebbene assurda, non è nuova. Se è vero che litigare su quale apparecchio sia migliore o peggiore per i videogiochi non ha molto senso, la verità è che questi tipi di litigi ci sono sempre stati e uno dei casi più antichi e conosciuti è quello di Atari e Intellivision. Sono trascorsi circa 45 anni dall’inizio di questa battaglia e oggi è finalmente finita.

COME?

Atari acquista Intellivision. Lo annuncia l’azienda fondata da Nolan Bushnell e Ted Dabney nel 1972. Atari, considerata la madre dell’industria dei videogiochi, fu la creatrice di Pong e della console Atari Pong e dominò il mercato fino alla Mattel (sì) nel 1979, la azienda di giocattoli dietro “Barbie”) ha lanciato Intellivision.

Nacque così la prima grande guerra tra console: Atari 2600 vs Mattel Intellivision. E in quel momento né l’uno né l’altro tagliarono minimamente gli angoli, ma torneremo su questo. Per ora vediamo cosa significa questo accordo che, se fosse avvenuto negli anni 80-90, equivarrebbe a PlayStation che acquista Xbox oggi, nel 2024 (anche se, beh, PlayStation è Sony e Xbox è Microsoft, sarebbe un po’ più complesso ma si capisce l’analogia).

Mattel Intellivision | Immagine: Wikimedia Commons

Terrò le tue cose. Come spiega Atari in un comunicato, l’acquisto di Intellivision significa mantenere 200 titoli e franchise nel proprio catalogo. Secondo la società, “Intellivision Entertainment LLC rinominerà e continuerà la propria attività di sviluppo e distribuzione della console di gioco a marchio Amico con una licenza di Atari per continuare a distribuire nuove versioni dei giochi Intellivision su quella console”.

Un salto così grande come quello da 8 a 16 bit difficilmente si ripeterà: perché fa bene agli sviluppatori

D’altronde si lavora sul rilancio in formato fisico e digitale dei classici Mattel ed è stato annunciato un rafforzamento per la console Amico (che avrebbe dovuto essere lanciata a ottobre 2020 e beh, siamo già nel 2024) e il app Amico Home (che è su sistemi come Android). Queste sono le piattaforme di gioco per famiglie di Intellivision che riceveranno ovviamente i classici Atari. Comunque sia, ciò che non è noto né rivelato è quanto Atari ha pagato per acquisire il suo concorrente.

guerra consolare. Come accennato in precedenza, Atari e Intellivision iniziarono la prima guerra tra console. Atari aveva l’Atari 2600 e il suo grande concorrente era l’Intellivision della Mattel. Si vantava di essere più potente e di avere una grafica migliore e, per convincere i giocatori, assunse l’attore George Plimpton perché parlasse bene della sua console. Ricordi i video Mac vs PC? Ebbene, prima di quelli c’era questo:

Non solo, ma Intellivision ha pubblicato un video di otto minuti nel bel mezzo del GamesCon confrontandosi con Atari. Erano altri tempi. In ogni caso, la fortuna arrise ad Atari e finì con Intellivision, la cui storia è piena di passaggi di mano, licenze, ecc. In effetti, l’Intellivision originale fu interrotto nel 1990 con tra 4,5 e cinque milioni di unità vendute.

Allora di quale Intellivision stiamo parlando? Per non trasformarla in una cronaca di Intellivision, possiamo tornare al più recente. Diciamo che l’attuale Intellivision è, in realtà, Intellivision Entertainment, azienda fondata da Tommy Tallarico che, nel 2018, ha acquistato i diritti del marchio Intellivision e dei suoi giochi per lanciare una nuova console (l’Amico di cui abbiamo parlato prima).

Comunque sia, la verità è che questo è un evento davvero peculiare e la fine di una delle guerre più lunghe nel mondo della tecnologia in generale e dei videogiochi in particolare.

Immagine | Wikimedia Commons, Unsplash

A Xataka | Dal ‘crack’ del 1983 a 180,3 miliardi di dollari: ecco come i videogiochi sono riusciti a diventare un’industria da un milione di dollari

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Palestina ha ringraziato Cuba per il suo sostegno nella difesa internazionale › Mondo › Granma
NEXT L’Occidente autorizza l’uso delle armi concesse all’Ucraina per la sua difesa contro la Russia