I vigili del fuoco di Valparaíso riferiscono dell’arresto di un volontario per incendi

I vigili del fuoco di Valparaíso riferiscono dell’arresto di un volontario per incendi
I vigili del fuoco di Valparaíso riferiscono dell’arresto di un volontario per incendi

In seguito all’arresto di un volontario della Tredicesima Compagnia dei Vigili del Fuoco di Placilla, accusato di aver provocato gli incendi mortali dello scorso febbraio nella regione di Valparaíso, è che I vigili del fuoco di Valparaíso hanno rilasciato una dichiarazione in merito.

In esso, assicurano che i fatti noti Non rappresentano i valori e gli scopi dell’istituzione. Dagli accertamenti effettuati dal PDI è stato accertato che il volontario aveva utilizzato una sigaretta per appiccare l’incendio.

Il sovrintendente dei vigili del fuoco di Valparaíso, Juan Paredes, ha assicurato in diretta a TVN che “siamo distrutti. “Siamo i vigili del fuoco più antichi e siamo devastati”.

Da segnalare che recentemente è stato arrestato anche un funzionario Conaf, presumibilmente coinvolto negli incendi.

Potete leggere il comunicato completo qui sotto:

Alla luce dei fatti recentemente noti relativi al
incendio del 2 febbraio, segnaliamo quanto segue:

1.-Come Vigili del Fuoco di Valparaíso, siamo assolutamente costernati dagli eventi che sono già di dominio pubblico e ce ne rammarichiamo profondamente.

2.- Confidiamo nell’indagine svolta dalla Procura della Repubblica ed è nel nostro massimo interesse che i fatti siano completamente chiariti, per cui siamo a disposizione della Procura e delle eventuali esigenze della stessa.

3.- È stata ordinata l’immediata separazione delle funzioni del volontario coinvolto e l’avvio di un’indagine interna da parte del comandante dei vigili del fuoco, Vicente Maggiolo Oyarzún.

4.- Questo tragico e sfortunato incendio ha lasciato feriti i vigili del fuoco e perdite di materiale da parte di diversi Vigili del Fuoco, per i quali come istituzione entreremo a far parte del rispettivo processo giudiziario come querelanti.

5.- I fatti noti non rappresentano i valori e gli scopi dei Vigili del Fuoco di Valparaíso, i cui volontari – da quasi 173 anni – hanno combattuto incessantemente diverse emergenze, rischiando la vita per proteggere la comunità, con la quale manteniamo un impegno illimitato che conserveremo invariabilmente

Comunicato del Consiglio Nazionale dei Vigili del Fuoco

Sulla questione si è espresso anche il Consiglio nazionale dei vigili del fuoco. Hanno assicurato che condannano qualsiasi azione che possa aver causato la tragedia dell’incendio, che ha provocato 137 morti e 16mila vittime.

Inoltre, si impegnano a collaborare pienamente con le indagini del Pubblico Ministero e della PDI e riaffermano il loro impegno a rispondere professionalmente alla comunità, condannando e sanzionando fermamente qualsiasi azione o comportamento improprio all’interno delle loro fila, soprattutto quelli di natura criminale.

Potete leggere il comunicato completo qui sotto:

La Direzione Nazionale dei Vigili del Fuoco del Cile ha appreso dell’arresto di un pompiere della 13a Compagnia dei Vigili del Fuoco di Valparaíso, nel bel mezzo delle indagini
portata avanti dal Pubblico Ministero e dalla PDI per il mega incendio boschivo che ha colpito i comuni di Valparaíso, Viña del Mar, Quilpué e Villa Alemana lo scorso febbraio.

Come Istituzione ripudiamo ogni azione che possa essere causa di questa tragedia che ha provocato 137 morti e 16mila feriti. Se fosse definitivamente accertato che è stato coinvolto un pompiere cileno, sarà un fatto che rimpiangeremo profondamente e ci unirà ancora di più nel dolore delle famiglie.

I Vigili del Fuoco del Cile si impegnano fin d’ora con la massima disponibilità a collaborare con l’indagine condotta dal Pubblico Ministero e dalla PDI su questi sfortunati eventi; come ha dimostrato fin dall’inizio fino a quando l’emergenza è stata controllata, salvando vite umane e beni e poi collaborando alle indagini tecniche sulla sua origine e causa.

È necessario sottolineare che questo sfortunato incendio ha provocato il ferimento dei vigili del fuoco e la perdita di materiale da parte di diversi Vigili del Fuoco, motivo per cui come Istituzione entreremo a far parte del rispettivo procedimento giudiziario come attori.

I Vigili del Fuoco del Cile riaffermano il nostro impegno a continuare a rispondere professionalmente alla comunità e condannano azioni o comportamenti impropri – e ancor più criminali – all’interno delle nostre fila, commettendo un forte rifiuto e sanzione contro coloro che, con le loro azioni, si sono discostati dall’unico scopo di servizio pubblico che ci guida.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT L’Occidente autorizza l’uso delle armi concesse all’Ucraina per la sua difesa contro la Russia