In una nuova giornata di tensione sui mercati, Milei ha provato a lanciare un segnale di calma: “Non siamo nervosi”

In una nuova giornata di tensione sui mercati, Milei ha provato a lanciare un segnale di calma: “Non siamo nervosi”
In una nuova giornata di tensione sui mercati, Milei ha provato a lanciare un segnale di calma: “Non siamo nervosi”

In un nuovo giorno di tensione sui mercati, Javier Milei ho provato a inviare un segno di tranquillità durante la sua presentazione ad Agroactiva 2024 a Santa Fe, il presidente ha fatto riferimento all’aumento dei prezzi dei dollari finanziari, al calo delle obbligazioni e delle azioni e all’avanzamento del rischio paese, che ha mostrato numeri rossi per cinque giorni consecutivi. “Non siamo nervosi”ha assicurato.

La lotta politica tra Esecutivo e Congresso dopo la metà della sanzione ottenuta dal progetto di aumento delle pensioniha favorito un clima di incertezza nel mercato azionario: Le azioni delle società argentine quotate a Wall Street hanno registrato cali fino al 6%, le obbligazioni in dollari hanno registrato cali di oltre il 4% e il rischio paese ha toccato i 1.596 punti.

Leggi anche: Javier Milei ha rinunciato alla sua pensione privilegiata e l’ANSES l’ha accettato

Sebbene Milei ha ammesso il salto che il tasso di cambio ha sofferto, ha difeso che questi movimenti “non sono dovuti ad un problema monetario” e ciò nei prossimi mesi “si sistemerà”.

Javier Milei con José Luis Espert durante la sua mostra ad Agroactiva 2024 a Santa Fe.

Il disagio del mercato si è intensificato nelle ultime ore dopo la mezza sanzione della nuova formula di pensionamento alla Camera dei Deputati che, agli occhi dell’Esecutivo, compromette il surplus fiscale.

Anche se il presidente lo aveva previsto porrà il veto al progetto Se dovesse ottenere l’approvazione del Senato, il Congresso potrebbe insistere sull’iniziativa se raccogliesse i due terzi dei voti presenti in entrambe le Camere.

Riguardo alla tensione sui mercati, il Presidente ha espresso: “Oggi nel prezzo delle obbligazioni, quello che vedete è il problema dei degenerati fiscali cercando di rompere l’equilibrio fiscale. E questo non è dovuto a un problema monetario”.

Leggi anche: Il Governo confida nell’approvazione generale della Legge sulle Basi e si affida a Francos per negoziare gli articoli

“Quando vedi i numeri di maggio, quando vedi i numeri di giugno e conosci il risultato fiscale, automaticamente i numeri delle obbligazioni si adegueranno e lo stesso accadrà con il tasso di cambio. Questo è il motivo per cui non siamo nervosi per quello che sta succedendo con lui e ci divertiamo parecchio”, ha detto.

Verso la fine del suo discorso, il Presidente ha sottolineato ancora una volta che il suo obiettivo è essere il paese con la maggiore libertà economica al mondo e ha aggiunto che la crescita è già in corso, perché “siamo in ripresa e ciò si manifesterà in un miglioramento dell’attività e dell’occupazione”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il nuovo stadio dell’UC non è stato accettato dalla FIFA per i Mondiali Under 2
NEXT Dollaro oggi, dollaro blu oggi: quanto è stato quotato questo giovedì 6 giugno