“Bella mattinata”, il Governo Milei ha festeggiato la sanzione della Legge Basi con una frase virale di Francella

“Bella mattinata”, il Governo Milei ha festeggiato la sanzione della Legge Basi con una frase virale di Francella
“Bella mattinata”, il Governo Milei ha festeggiato la sanzione della Legge Basi con una frase virale di Francella

Il governo nazionale ha celebrato questo giovedì la sanzione della Legge fondamentaleha condannato i gravi incidenti accaduti nelle vicinanze del Congresso e li ha descritti come “terroristi” a coloro che hanno compiuto scontri con le forze di sicurezza e causato distruzioni in spazi pubblici.

“Bella mattinata, come si suol dire”è stata la frase scelta dal portavoce presidenziale, Manuele Adorniriferendosi al famoso video di Guillermo Francella è diventato virale.

Il funzionario nazionale ha così espresso la soddisfazione dell’Esecutivo per l’approvazione generale del progetto Basi di Legge e punti di partenza per la libertà degli argentini, ed ha evidenziato la reazione positiva dei mercati.

“Il giorno dopo che il Senato ha sancito le riforme incluse nell’iniziativa ufficiale, le azioni di Wall Street sono salite dell’8%, le obbligazioni hanno recuperato il 4% del loro valore e Country Risk ha aperto in ribasso”, ha spiegato Adorni.

“Ciò accade quando gli investitori vedono nell’Argentina un paese che ha preso la decisione di andare avanti e che vuole porre fine a cento anni di decadenza e che comincia a rispettare la libertà e la democrazia come un mantra”, ha aggiunto.

Il portavoce presidenziale ha poi condannato gli incidenti accaduti nel mezzo delle proteste contro la Legge sulle Basi e ha confermato che si arriverà alle ultime conseguenze contro “i terroristi” che volevano “togliere la democrazia”.

I gravi incidenti al Congresso. Foto Emmanuel Fernández.

“Ieri abbiamo visto un’Argentina dove hanno vinto milioni di argentini, la cui volontà è stata finalmente rispettata quando si è eletto il loro Presidente alle urne, questa è l’Argentina. L’altra Argentina che abbiamo visto ieri era l’Argentina selvaggia, assolutamente selvaggia, con le facce coperte, le Molotov cocktail, granate, una tonnellata di pietre, bottiglie e bandiere palestinesi che non c’entrano niente”, ha aggiunto.

Prima della consueta conferenza stampa del portavoce a Casa Rosada, il ministro della Sicurezza Patricia Bullrich ha preso di mira per gli incidenti organizzazioni di sinistra e kirchneriste e ha annunciato che porteranno avanti un caso di sedizione davanti alla Giustizia.

“Non vogliamo più vedere le immagini di ieri in Argentina. Naturalmente oggi la Polizia, le forze dell’ordine e la Polizia Municipale hanno il compito di analizzare ciascuna immagine per identificare tutti coloro che non sono stati identificati o detenuti, speriamo.” che si vada avanti e che tutti paghino per quello che hanno fatto”, ha detto Adorni.

Inoltre, ha sostenuto che gli episodi di violenza nei pressi del Parlamento sono stati “un tentativo di colpo di stato” ma in termini moderni, il che – come ha spiegato – significa logorare la governabilità dell’Esecutivo.

“Le ultime conseguenze si arriveranno non con quello che è successo ieri, con tutti gli episodi che implicano uno scostamento dalla legge. Quello che è successo ieri ha avuto un’aggravante che in generale, al di là del fatto che si è abituati a questo comportamento della sinistra , che cercano di intimidire con pietre e bombe molotov, come reazione alla loro perdita in termini democratici”, ha affermato.

Infine, ha confermato che il partito al potere insisterà alla Camera sui capitoli omessi dal testo originario del progetto.

“Continueremo a insistere, è una legge su cui abbiamo lavorato molto. La Legge Base, anche quella originale, è stata fatta con molto lavoro, l’accento è stato posto su di essa, anni di lavoro, e noi insisteremo perché ci crediamo e ne siamo convinti”, ha concluso Adorni.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Mazón riduce il governo dopo la partenza di Vox e accusa Abascal
NEXT Juan Loaiza: “I problemi relativi alla privacy dei dati dovrebbero far parte degli spazi pubblici di dibattito” | UAH