Borsa: gli analisti sostengono l’operazione anche se si concentrano sul prezzo | Mercati finanziari

Stabilimento Grifols a Parets del Vallés (Barcellona), il 9 gennaio.Gianluca Battista

Il titolo Grifols ha registrato un rialzo del 9,7% al suo ritorno in borsa. La CNMV ha sospeso i titoli della società questa mattina presto e ha deciso di revocare la sospensione dopo aver appreso che la famiglia fondatrice e il fondo Brookfield stanno valutando di lanciare un’offerta pubblica di acquisto sulla società e di ritirarla dal mercato azionario. Nonostante il rialzo, il titolo Grifols è crollato del 36% nel corso dell’anno, gravato dalla pubblicazione all’inizio di gennaio di un rapporto devastante da parte del fondo speculativo Gotham City in cui l’azienda è stata accusata di falsificare i conti.

Gli analisti sostengono l’operazione, anche se stimano che il suo successo dipenderà dal prezzo proposto. Da Renta 4 vedono comprensibile “la motivazione della famiglia Grifols e Brookfield a lanciare un’offerta di acquisizione della società, poiché comprendono che dopo il forte deprezzamento delle azioni, il mercato non riconosce il valore della società”. A suo avviso, “la cancellazione delle azioni della società consentirebbe a Grifols di consolidare la propria strategia di recupero di risultati e di deleveraging finanziario senza essere soggetto alla volatilità dei mercati. Inoltre, riteniamo che l’accordo con un partner finanziario dell’entità Brookfield allevierebbe la pressione sulle esigenze di rifinanziamento della società”.

Il dipartimento di analisi di Bankinter ritiene che l’operazione avrà un impatto positivo sul titolo a breve termine, anche se ritiene che avrà carattere speculativo. Ricordano quindi che “è bene tenere presente che l’impatto positivo sarebbe limitato o nullo se fosse confermato che la proposta di valutazione è simile alla sua attuale capitalizzazione”. Tanto che si ricordano che dallo scorso gennaio il valore lo hanno con la consulenza alla vendita.

Joaquín Robles, analista di XTB, ritiene che “la società farmaceutica Grifols si trova in un momento critico. Dopo un anno turbolento segnato da accuse di frode e dal crollo del prezzo delle azioni, la famiglia fondatrice e il fondo di investimento Brookfield hanno proposto una soluzione drastica: acquistare l’azienda e privatizzarla. Questa OPA di esclusione, se dovesse realizzarsi, avrebbe un impatto significativo su Grifols. Gli investitori pubblici non sarebbero più in grado di acquistare e vendere azioni della società, il che potrebbe incidere sulla sua liquidità e valutazione. La famiglia fondatrice e Brookfield, da parte loro, aumenterebbero il loro controllo sull’azienda, consentendo loro di prendere decisioni a lungo termine senza l’immediata pressione del mercato”.

Dal broker stimano che “il successo dell’operazione dipenderà dalle condizioni dell’offerta. È un’azienda che continua ad essere molto penalizzata dalla sua situazione finanziaria, ha un debito elevato e difficoltà ad ottenere flussi di cassa positivi. Inoltre, nelle ultime settimane è diventata evidente la perdita di credibilità da parte degli investitori, dal momento che le emissioni di debito per coprire le scadenze del prossimo anno sono state effettuate a tassi di interesse ben superiori al mercato.”

D’altro canto, la tendenza al rialzo dell’azienda farmaceutica negli ultimi giorni esercita una maggiore pressione sugli investitori ribassisti. La rivalutazione delle azioni in Borsa provoca il ritiro degli azionisti che scommettono sul crollo di Grifols. Le azioni in prestito, che rappresentano un indicatore di vendite allo scoperto da parte dei trader ribassisti, rappresentavano giovedì circa il 13,4% del capitale di Grifols, secondo i dati di S&P Global Market Intelligence, che rappresenta un livello significativamente inferiore al 20% registrato a marzo.

La settimana scorsa, il fondo londinese Marshall Wace aveva già informato la CNMV di una riduzione del suo prestito azionario in Grifols, dallo 0,7% del capitale allo 0,69%. Sebbene sia un movimento minimo, rompe il divario di due aumenti consecutivi che aveva fatto. Secondo i dati di Bloomberg, Marshall Wace ha una posizione corta nella società con 2,9 milioni di azioni e Ako Capital con 2,5 milioni di azioni.

Segui tutte le informazioni Cinque giorni In Facebook, X e Linkedino dentro la nostra newsletter Programma dei cinque giorni

Newsletter

Iscriviti per ricevere informazioni economiche esclusive e le notizie finanziarie più rilevanti per te

¡Apuntate!

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV risultati per oggi, lunedì 8 luglio 2024
NEXT Perché potresti ricevere email di spam da te stesso?