Incibe avverte della necessità di rafforzare la sicurezza informatica nel settore energetico A cura di EFE

Ponferrada (León), 9 luglio (.).- Il direttore generale dell’Istituto Nazionale per la Cibersicurezza (Incibe), Félix Barrio, ha sottolineato martedì a Ponferrada (León) l’importanza di promuovere la sicurezza informatica nel settore energetico per garantire stabilità e sicurezza infrastrutture critiche.

“In un mondo sempre più digitalizzato, le nostre reti elettriche e i nostri sistemi energetici sono potenziali bersagli di attacchi informatici che possono avere conseguenze devastanti”, ha affermato Barrio prima di inaugurare nella capitale del Bierzo la “II Conferenza sulla sicurezza informatica industriale: le sfide della transizione energetica”, che si tiene presso la sede di La Térmica Cultural.

Secondo Barrio, per raggiungere questo obiettivo “è fondamentale una stretta collaborazione tra i diversi attori coinvolti per proteggere e garantire un approvvigionamento energetico affidabile e sicuro dal punto di vista informatico”.

Incibe e la Fondazione Città dell’Energia (Ciuden), collegata all’Istituto per la Giusta Transizione e dipendente dal Ministero per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica, hanno organizzato questa conferenza, che rientra nella programmazione che comprende il Cybersecurity Summer BootCamp, celebrato a León fino al 18 luglio.

Da parte sua, il direttore generale del Ciuden ha apprezzato la collaborazione con Incibe, e ha sottolineato che “stanno lavorando insieme per promuovere la creazione del primo laboratorio di sicurezza informatica industriale in ambienti energetici in Europa”.

“Un laboratorio in cui sviluppare e testare soluzioni di difesa informatica e convalidare protocolli di risposta contro gli incidenti informatici, al fine di garantire la sicurezza degli impianti industriali energetici”, ha aggiunto.

Il settore energetico e la cybersecurity da protagonisti

La conferenza affronta le ultime tendenze e sfide della sicurezza informatica industriale con particolare attenzione agli impianti energetici e alle infrastrutture critiche.

Tra le attività si terranno tavole rotonde come quella intitolata “Nuove capacità di sicurezza informatica del 5G e dell’IoT” o “Presente e futuro della sicurezza informatica in un ambiente di transizione energetica”, e attività pratiche di sicurezza informatica industriale.

Inoltre, a Cubillos del Sil si svolgerà una simulazione di attacco informatico, che mostrerà come vengono rilevati e prevenuti gli attacchi informatici programmati per questo tipo di strutture, oltre a identificare le tecnologie che possono aiutarci a individuare le aree sensibili delle strutture. le risposte necessarie e l’analisi forense dell’incidente stesso.

Accordi per migliorare la cybersecurity nel settore energetico

Inoltre, durante la giornata, Incibe firmerà cinque accordi di collaborazione con diverse associazioni nazionali legate al settore energetico e all’industria nucleare nazionale per migliorare la sicurezza informatica nel settore energetico.

Si tratta dell’Associazione delle Imprese Eoliche (AEE), dell’Associazione delle Imprese di Energie Rinnovabili (APPA), del Forum dell’Industria Nucleare Spagnola, dell’Associazione Spagnola del Gas (SEDIGAS) e dell’Unione Fotovoltaica Spagnola (UNEF).

Tali accordi, della durata di due anni, e con possibilità di adesione ad altre associazioni del settore, mirano inizialmente a rispettare gli obblighi di cybersecurity stabiliti dalle normative vigenti, nonché dalla Direttiva (UE), nota come Direttiva NIS2. e il suo recepimento nel quadro normativo spagnolo.

Un’altra delle finalità perseguite è quella di migliorare l’efficienza della gestione pubblica della cybersecurity, facilitando l’utilizzo congiunto di mezzi e servizi di tutti i soggetti coinvolti.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sicurezza informatica e sviluppo di videogiochi: la nuova domanda di carriere tecniche in Perù | aziende | senati | videogiochi | tecnologia | studenti | | ECONOMIA
NEXT La Multichain Foundation deve pagare a Fantom 2,1 milioni di dollari per perdite