Mauricio Macri torna a viaggiare dopo essere passato inosservato nel Patto di maggio

L’ex presidente si recherà a Madrid per incarichi con la Fondazione FIFA. Il posto della PRO sulla scena nazionale, ancora senza definizioni.

Mauricio Macri arriva al Patto di maggio a Tucumán.

Poche ore dopo essere arrivato nel Paese dopo aver assistito alle fasi di qualificazione del campionato di calcio Tennis di Wimbledon, Maurizio Macri Viaggio a Tucuman per partecipare al Patto di maggio. Lontano dalle luci della ribalta, con cui non aveva nemmeno una foto ufficiale Javier Miley. Ora riprende la sua agenda internazionale Madridcome parte delle sue funzioni nel Fondazione FIFA.

Il contenuto a cui desideri accedere è esclusivo per gli abbonati.

sottoscrivere Sono già iscritto

Diverse testimonianze denunciano il disagio dell’ex presidente, uno dei due ex leader presenti e l’unico eletto: l’altro era Adolfo Rodríguez Saá. Le ragioni del suo malcontento stanno nel fatto che ha ricevuto un trattamento simile a quello degli altri ospiti ma non a quello dei governatori o dei capi legislativi, per cui ha dovuto aspettare nel freddo della mezzanotte a Tucumán e non ha firmato il verbale ufficiale del Patto di maggio.

La situazione si verifica dopo Maurizio Macri rimane l’unico leader del PROche attualmente presiede, dopo la tesa riunione del Assemblea nazionale sostenitore che ha nominato il vice Martin Yeza Piuttosto Patrizia Bullrichspiazzata dalla sua posizione tendente alla fusione con La libertà avanza. La decisione ha causato, per il momento, solo incroci mediatici tra le due fazioni interne.

Successivamente, e attraverso i social network, il PRO ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che “noi siamo il cambiamento”; ““la PRO non si fonderà con altri partiti” e “Sosteniamo il governo di Javier Milei e tutte le iniziative che accompagnano il cambiamento per il quale l’Argentina ha votato.

Il messaggio di Mauricio Macri dopo la firma del Patto di maggio: “Spero che oggi sia l’inizio della fine di questo eterno declino”

L’ex presidente Maurizio Macri ha pubblicato un messaggio questo mercoledì mattina, dopo la firma del Patto di maggio a Tucumánin cui ha celebrato l’accordo e ha commemorato la data nazionale del l 9 luglio. “Spero che oggi sia l’inizio della fine di questo eterno declino” ha scritto l’ex presidente dal suo account ufficiale sul social network X (ex Twitter).

Macrì era presente ieri sera a Tucumán, all’evento guidato dal presidente Javier Milei nella Casa Storica dove fu firmato l’atto di indipendenza nel 1816. Oltre ai 18 governatori che firmarono l’atto con i 10 punti di consenso, erano presenti anche altre personalità dalla politica nazionale.

Incorpora – https://publish.twitter.com/oembed?url=https://twitter.com/mauriciomacri/status/1810537618116854100&partner=&hide_thread=false

“Per mio nipote, i miei figli e i figli di tutti gli argentini, lo spero Possa oggi essere l’inizio della fine di questa eterna decadenza che ha prodotto corruzione e impoverimento nel nostro Paese. Confido che la maggior parte delle autorità che hanno firmato questo impegno per il futuro lo abbiano fatto veramente, con una profonda e onesta convinzione di cambiare. Se è così, possiamo guardare avanti e avere fiducia che la democrazia e la libertà ci condurranno al nostro destino”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Verrà visto in televisione?
NEXT Il video di María José Suárez che sarebbe nelle mani di Valeri, presunta amante di Escassi