“Checo Pérez mantiene il suo posto in F1 perché è messicano”; assicura la stampa inglese

Il ceco Perez ha avuto un brutto momento nelle ultime gare del Formula 1il pilota messicano ha sette gare consecutive senza riuscire a salire sul podio, cosa che ha messo sotto pressione la sua posizione con Toro Rossosoprattutto dopo che è stato ristrutturato.

Ora, dopo la prestazione di Checo in Pietra d’argento e le voci su una possibile partenza del messicano a metà stagione, Martin Brundle Ha affermato in un podcast Sport del cielo che il nativo di Guadalajara, Jalisco, mantiene la sua sede per “essere commercialmente attraente”.

“Sappiamo che è commercialmente interessante per loro, sappiamo che è un buon complemento per Max, di solito è abbastanza veloce da fare un buon lavoro e fornire informazioni rilevanti. Non sono abbastanza veloci da disturbare soprattutto Max, e per loro va bene e hanno vinto entrambi i campionati. Ma all’improvviso hanno dei rivali a portata di mano”, ha commentato.

Brundle, che si candidò La McLaren e Guglielmiritiratosi nel 1996 senza vittorie, con nove podi in 158 Gran Premi nella massima categoria degli sport motoristici, assicurava anche che, tenendo conto che il Gran Premio del Messico è alle porte e che la Red Bull è commercializzata in Nord America e Sud America, Checo è attraente e licenziarlo danneggerebbe la squadra austriaca.

“Ma, sai, con la sponsorizzazione, con la commercializzazione della Red Bull in Nord e Sud America, con il Gran Premio del Messico ancora alle porte, non vorresti davvero Sergio Pérez sulla griglia? Quindi questo è il punto di pareggio. Se lui era il “Conducente B”, e per niente di quella commercializzazione, nazionalità o qualunque cosa avesse importanza, lo avrebbero sostituito, giusto?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: ‘SE NON AGGIUNGE PUNTI DEVONO FARLO SCENDERE DA QUELLA MACCHINA’: FIGURA F1 SU CHECO PÉREZ

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV potrebbe dimettersi dopo la visita di Netanyahu a Washington
NEXT I servizi segreti ora riconoscono di aver respinto le richieste di rafforzare la sicurezza di Trump