Breaking news
3 magnifiche azioni che “mai” venderò -

Lavora a Gibilterra ma vive in Spagna: il problema di una giovane donna che ha accesso a un medico

Lavora a Gibilterra ma vive in Spagna: il problema di una giovane donna che ha accesso a un medico
Lavora a Gibilterra ma vive in Spagna: il problema di una giovane donna che ha accesso a un medico

Una giovane donna spagnola, residente a Gibilterra, ha utilizzato il suo account TikTok per denunciare le difficoltà che incontra nel ricevere assistenza medica in Spagna a causa della sua situazione lavorativa. Secondo lui, il problema sta nella necessità di elaborare un documento che gli consenta di accedere ai servizi sanitari spagnoli, documento che ha validità solo per un anno e il cui rinnovo comporta un lungo iter burocratico.

“Per avere un medico in Spagna devo preparare un documento che vale un anno, ma non posso farlo finché non lo adempirò. Vale a dire, tra il tempo necessario a Gibilterra per inviarmi il documento e il tempo necessario affinché la Spagna, la Previdenza Sociale mi dia un appuntamento per sigillare il documento e portarlo al centro sanitario dell’anno, Perdo quattro mesi solo per sistemare le carte”, dice con rabbia.

Potrebbe interessarti: Preoccupante la posizione della Spagna nella classifica dei paesi più felici per i giovani sotto i 30 anni

Perché il tuo lavoro è dentro Gibilterra, la giovane donna deve attendere che le autorità di questo territorio elaborino i documenti che provano la sua situazione, e poi dovrà fissare un appuntamento presso la Previdenza Sociale spagnola per poter formalizzare il processo. Questo processo consuma circa quattro mesi ogni anno solo nella gestione delle pratiche necessarie, periodo durante il quale è esclusa dal sistema sanitario spagnolo.

Durante questo periodo, se hai bisogno di cure mediche, devi affrontare l’ostacolo di non essere registrato come paziente nel sistema sanitario, il che comporta l’invio di fatture per i servizi ricevuti. Successivamente dovrà destreggiarsi attraverso un’altra serie di iter burocratici per evitare queste accuse: “Quando vado, ovviamente devono occuparsi di me, ma non ho un medico e mi mandano la fattura a casa. Poi devo preparare un altro milione di pratiche per non essere accusato. conto. E tutto questo grazie al tuo governo, perché pago le tasse proprio come te”.

Il video della giovane ha ricevuto numerose reazioni, con diversi utenti che hanno commentato che se fosse straniera riceverebbe assistenza medica senza prerequisiti. Di fronte a queste reazioni, ha espresso la sua frustrazione, sostenendo che, nonostante sia spagnola, il fatto di lavorare all’estero sembra privarla di alcuni diritti, mentre le persone senza documenti in Spagna hanno accesso a servizi completi.

La spagnola ha anche sottolineato che, nonostante ci siano servizi medici a Gibilterra, il suo status di cittadina spagnola e ritiene che come contribuente le dovrebbe essere garantito l’accesso al sistema sanitario spagnolo.

Potrebbe interessarti: Sette comunità autonome non hanno speso un solo euro del programma per prevenire gli abusi sulle ragazze sotto tutela

“Con lo stipendio che guadagni lì a Gibilterra te ne puoi permettere uno privato in Spagna, perché vivi con lo stipendio di Gibilterra e il tenore di vita spagnolo”, commenta un altro in linea con un altro dei dibattiti paralleli apertisi a seguito di il video, come Laura risponde: “Ma secondo te quanto ti faccio pagare?”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT I primi sintomi del cancro cervicale che dovrebbero mettervi in ​​allerta