L’esercitazione militare statunitense riaccende la tensione tra Venezuela e Guyana

L’esercitazione militare statunitense riaccende la tensione tra Venezuela e Guyana
L’esercitazione militare statunitense riaccende la tensione tra Venezuela e Guyana

Due aerei da combattimento statunitensi hanno sorvolato la Guyana giovedì come parte di un’esercitazione militare coordinata tra i due paesi, che ha lanciato “allerta” nel vicino Venezuelache denuncia “provocazioni” e “minacce” nel pieno della tensione per la secolare disputa sul ricco territorio di Essequibo.

“Il governo della Guyana ha approvato il sorvolo di due Super Hornet F/A18F della Marina degli Stati Uniti su Georgetown (…) il 9 maggio 2024”Lo ha confermato il governo della Guyana in un comunicato, poco dopo che l’ambasciata americana aveva denunciato l’operazione.

“Questa esercitazione viene effettuata come parte del patto di cooperazione in materia di difesa tra la Guyana e gli Stati Uniti d’America e cerca di rafforzare la sicurezza nel programma di cooperazione in corso tra i nostri due paesi”, ha aggiunto.

Il ministro degli Esteri del Venezuela, Yván Gil, ha stimato che il sorvolo “minaccia la zona di pace” concordata tra Nicolás Maduro e il suo omologo della Guyana, Irfaan Alía dicembre, in un periodo di forte tensione e timori di un conflitto armato a causa della disputa territoriale.

Il ministro della Difesa venezuelano, Vladimir Padrino López, ha affermato da parte sua che la manovra rientra nelle “ripetute provocazioni” degli Stati Uniti, nemico storico del chavismo al potere.

“Il nostro Sistema di Difesa Aerospaziale Globale rimane attivato in caso di qualsiasi tentativo di violare lo spazio geografico venezuelano, compreso il nostro territorio di Essequibo. Avvisi!”Padrino ha sottolineato sulla rete X.

L’Essequibo ha una superficie di 160.000 km2 ed è ricco di petrolio e minerali. È amministrato dalla Guyana, anche se il Venezuela rivendica la sovranità in base ai limiti tracciati quando era ancora colonia della Spagna.

La disputa si è intensificata nel 2015 dopo la scoperta dei giacimenti petroliferi e da allora le tensioni hanno avuto alti e bassi.

La Guyana ha fatto appello alla Corte internazionale di giustizia (ICJ) nel 2018 per ratificare una sentenza del 1899 che stabiliva i confini attuali e che il Venezuela respinge, protetta dall’accordo di Ginevra del 1966, firmato con la Gran Bretagna prima dell’indipendenza della Guyana e che ha annullato la precedente sentenza stabilendo le basi per una soluzione negoziata.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La “rivoluzione” in Medicina Nucleare richiede formazione
NEXT Lo scenario sanitario che avrebbe portato il coscritto all’amputazione della mano dopo la marcia | radiogramma-biobiotv