Uno studio dell’Università di Oxford rivela quanto caffè dovresti bere al giorno per rimanere in salute

Uno studio dell’Università di Oxford rivela quanto caffè dovresti bere al giorno per rimanere in salute
Uno studio dell’Università di Oxford rivela quanto caffè dovresti bere al giorno per rimanere in salute

Il caffè, una delle bevande più apprezzate al mondo, offre numerosi benefici all’organismo se consumato con moderazione. Questa bevanda ricca di antiossidanti e altri composti bioattivi può contribuire positivamente alla salute in vari modi.

Recentemente, i ricercatori di Oxford hanno condotto uno studio utilizzando i dati di mezzo milione di pazienti. L’analisi ha concluso che tre o quattro tazze di caffè al giorno sono la quantità ottimale per ottenere benefici per la salute senza subire effetti negativi. Secondo gli esperti, questa quantità di consumo non aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, tumorali o neurodegenerative.


.

Foto:iStock

La verità è che il caffè è una ricca fonte di antiossidanti. Questi composti aiutano a combattere i radicali liberi nel corpo, che sono responsabili del danno cellulare e possono contribuire all’invecchiamento e a varie malattie. Gli antiossidanti presenti nel caffè, come i polifenoli, possono ridurre l’infiammazione e proteggere da malattie croniche come il cancro e le malattie cardiovascolari.

Inoltre, il consumo di caffè è stato associato a una minore incidenza di alcune malattie neurodegenerative. Gli studi hanno dimostrato che i bevitori di caffè hanno un rischio minore di sviluppare l’Alzheimer e il Parkinson. La caffeina e altri composti presenti nel caffè possono avere effetti neuroprotettivi, aiutando a preservare la funzione cognitiva e ritardando la degenerazione delle cellule nervose.

Il caffè può anche migliorare le prestazioni fisiche. La caffeina, uno stimolante naturale, aumenta i livelli di adrenalina nel corpo, che può preparare una persona ad un’attività fisica intensa. Aiuta anche a rilasciare gli acidi grassi dai tessuti adiposi, che vengono utilizzati come fonte di energia. Ciò può comportare prestazioni e resistenza migliori durante l’esercizio.

Infatti, quando si parla di salute del cuore, una ricerca di Oxford ha indicato che consumare da 0,5 a 3 tazze al giorno può ridurre il rischio di avere un infarto del 21%. Tuttavia, la ricerca evidenzia anche che un consumo eccessivo può causare ansia, insonnia e bruciore di stomaco, sottolineando l’importanza di moderarne l’assunzione.

In termini di salute metabolica, il caffè può svolgere un ruolo benefico. Alcuni studi suggeriscono che il consumo regolare di caffè può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. La caffeina e altri composti presenti nel caffè migliorano la sensibilità all’insulina e abbassano la glicemia, il che può prevenire l’insorgenza di questa malattia.

,

Foto:iStock

Questa bevanda può anche avere un effetto positivo sull’umore e sulla funzione cerebrale a breve termine. La caffeina blocca l’adenosina, un neurotrasmettitore inibitorio, aumentando il rilascio di altri neurotrasmettitori come la dopamina e la norepinefrina. Ciò può migliorare l’umore, la memoria, il tempo di reazione e la funzione cognitiva generale.

Alcuni studi hanno suggerito che il consumo di caffè potrebbe essere collegato ad una maggiore longevità. I bevitori di caffè, rispetto ai non bevitori, hanno un minor rischio di morte prematura. Questo effetto potrebbe essere dovuto alla combinazione dei molteplici benefici per la salute offerti dal caffè, inclusa la sua capacità di ridurre il rischio di malattie croniche.

Infine, gli esperti sottolineano che il caffè può favorire la salute del fegato. La ricerca ha scoperto che il consumo di caffè può ridurre il rischio di malattie del fegato, tra cui la cirrosi e la steatosi epatica non alcolica. I composti del caffè sembrano avere effetti protettivi sulle cellule del fegato e possono aiutare a ridurre l’infiammazione e l’accumulo di grasso nel fegato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Gli insegnanti di medicina decideranno se aderire allo sciopero programmato dai medici comunitari
NEXT Sospensione anticipata degli antibiotici nei pazienti pediatrici con neutropenia febbrile?