gli insuccessi dei medici e la loro sentenza definitiva

gli insuccessi dei medici e la loro sentenza definitiva
gli insuccessi dei medici e la loro sentenza definitiva

Comunque Potrai continuare a lavorare fino a quando la sentenza non sarà definitiva.

Durante il processo, Il medico ha assicurato di non essere informato dell’allergia del paziente e si è scusato. Secondo quanto riportato dai media locali e da Clarín, dopo quanto accaduto, l’uomo ha tentato di risarcire finanziariamente la famiglia, offerta che è stata completamente respinta.

Oltre a Bordazahar è stata accusata anche l’infermiera Laura Fabiana Stéfano, 52 anni. Poiché non è comparsa nel dibattito presso il Tribunale correzionale n. 1 del Dipartimento di Giustizia, sarà dichiarata contumace e, di fatto, dovrà affrontare un nuovo processo giudiziario.

Ha subito un intervento chirurgico ed è morta per un’allergia: i fallimenti che hanno causato l’esito fatale

L’hanno operata di ernia, le hanno somministrato Diclofenac ed è morta.jpg

La clinica Necochea dove è avvenuta la morte di Acosta, 71 anni (Foto: Clinica Cruz Azul).

Nel procedimento giudiziario è emerso che in clinica la nuora di Acosta è stata fatta firmare il modulo di consenso, senza leggerlo; che non è stata revisionata la cartella clinica che segnalava, in rosso, l’allergia al Diclofenac; e che nelle manovre di rianimazione cardiopolmonare (RCP), in terapia intensiva, si ometteva di iniettare l’adrenalina, cosa consigliata in questi casi.

Marta è morta dopo aver subito lo shock e due arresti cardiorespiratori.

Acosta non era un paziente sconosciuto alla clinica. Affiliata alla PAMI, era già la quarta volta che si sottoponeva ad un intervento chirurgico lì.

Oltre all’operazione per l’ernia addominale degli anni precedenti, aveva subito un intervento chirurgico alla cistifellea e all’anca.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Queste sono le proprietà, i benefici e l’effetto sui reni di questa bevanda naturale