Una pillola evita di dover andare in palestra

Una pillola evita di dover andare in palestra
Una pillola evita di dover andare in palestra

Un team di ricercatori ha scoperto un composto digeribile in grado di curare l’atrofia muscolare, l’insufficienza cardiaca o le malattie neurodegenerative. Con l’aggiunta di non dover praticare alcun esercizio fisico che si traduce, come sempre consigliato, nella tutela della salute e del benessere generale.
Sì è corretto. Chi è allergico alle palestre – per così dire – è fortunato perché quest’ultima pillola potrebbe offrire gli stessi benefici garantiti dagli impianti sportivi. Anche se, per ora, la nuova soluzione è stata testata solo sui topi; Pertanto, chi detesta così tanto lo sport dovrà avere un po’ di pazienza. A questo proposito vanno però chiarite una serie di sfumature.

L’importanza dell’esercizio fisico

I risultati di questa ricerca sono stati presentati al meeting primaverile dell’American Chemical Society. E come spiega Bahaa Elgendy, professore di anestesiologia alla Washington University School of Medicine di St. Louis e ricercatore principale del progetto.

L’esercizio fisico apporta benefici sia alla mente che al corpo, non possiamo sostituirlo ed è comunque importante a tutti i livelli. Pertanto, se potessi esercitarmi, dovrei continuare a farlo, ma ci sono moltissimi casi in cui non è possibile ed è necessario un sostituto.

(Bahaa Elgendy)

In questo senso, Ricardo Colmenero, specialista in materia, assicura che “un farmaco potrebbe imitarne gli effetti e compensare l’atrofia e la debolezza muscolare che di solito si manifestano quando le persone invecchiano o sono affette da cancro, eredità genetica o qualsiasi” altra condizione che ti impedisce di svolgere una regolare attività fisica.” Anche se, secondo Elgendy, “potrebbe anche contrastare gli effetti di altri farmaci, come i nuovi farmaci dimagranti, che causano la perdita sia di grasso che di muscoli”.

Un composto chiamato SLU-PP-332

Non fa male ricordare che, per gli esperti, “i cambiamenti metabolici associati all’esercizio fisico iniziano con l’attivazione di proteine ​​specializzate, note come recettori correlati agli estrogeni (ERR), che si presentano in tre forme: ERR, ERR ed ERR” . Tuttavia, dopo circa un decennio di lavoro, Elgendy e i suoi colleghi hanno sviluppato un composto chiamato SLU-PP-332, che attiva tutte e tre le forme, compreso l’obiettivo più impegnativo, l’ERR. Inoltre, i ricercatori aggiungono che “questo tipo di ERR regola l’adattamento allo stress indotto dall’esercizio fisico e altri importanti processi fisiologici nei muscoli”. Infatti, “negli esperimenti sui topi, il team ha scoperto che questo composto aumentava un tipo di fibra muscolare resistente alla fatica e, allo stesso tempo, migliorava la resistenza dei roditori quando correvano su un tapis roulant”, aggiunge Colmenero.

Ottimizzazione della scoperta

Lo stesso specialista sottolinea inoltre che “per identificare SLU-PP-332, i ricercatori hanno esaminato la struttura degli ERR e il modo in cui si legano alle molecole che li attivano. Poi, per migliorare la loro scoperta e sviluppare varianti che potrebbero essere brevettate, Elgendy e il suo team ha progettato nuove molecole per rafforzare l’interazione con i recettori e quindi provocare una risposta più forte di quella che SLU-PP-332 può fornire. Durante lo sviluppo dei nuovi composti, il team ha anche ottimizzato le molecole per altre caratteristiche, come stabilità e bassa tossicità “.

In questo contesto, “il team ha confrontato la potenza di SLU-PP-332 con quella dei nuovi composti osservando l’RNA, una misura dell’espressione genica, di circa 15.000 geni nelle cellule del muscolo cardiaco di ratto. “I nuovi composti hanno causato un maggiore aumento della presenza di RNA, suggerendo che simulano in modo più potente gli effetti dell’esercizio fisico.”

Sotto i riflettori

La ricerca che utilizza SLU-PP-332 suggerisce che prendere di mira gli ERR potrebbe essere utile contro malattie specifiche. “Gli studi sugli animali con questo composto preliminare indicano che potrebbe avere un beneficio contro l’obesità, l’insufficienza cardiaca o il deterioramento della funzionalità renale che si verifica con l’età. I risultati della ricerca suggeriscono che i nuovi composti potrebbero avere effetti simili”, sostiene Ricardo Colmenero.

Altri effetti degli ERR

L’attività dell’ERR sembra anche contrastare i processi dannosi che si verificano nel cervello dei pazienti con diagnosi di Alzheimer e di altre condizioni neurodegenerative. Sebbene SLU-PP-332 non possa passare nel cervello, sono stati sviluppati alcuni nuovi composti per farlo. “In tutte queste condizioni, gli ERR svolgono un ruolo importante”, afferma Elgendy. “Se disponi di un composto in grado di attivarli in modo efficace, potresti generare molti effetti benefici.”

Via Pelagos Pharmaceuticals

Quindi Elgendy e i suoi colleghi sperano di testare i nuovi composti su modelli animali attraverso Pelages Pharmaceuticals, una nuova società da loro co-fondata. Allo stesso modo, stanno anche studiando la possibilità di sviluppare composti come possibili trattamenti per i disturbi neurodegenerativi.

Nota

Colmenero, R. 2024. Gli scienziati inventano una pillola per evitare di dover andare in palestra. Il mondo. Marzo, 18.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La luce che gli esperti del benessere hanno nella loro camera da letto (per dormire meglio) non è come le altre
NEXT Grazie ai progressi nelle terapie, il diabete di tipo 1 non è più un fattore di morte prematura