Il nuovo istituto che trasformerà l’UJA in una centrale elettrica nella ricerca biomedica

Il nuovo istituto che trasformerà l’UJA in una centrale elettrica nella ricerca biomedica
Il nuovo istituto che trasformerà l’UJA in una centrale elettrica nella ricerca biomedica

Il rettore dell’Università di Jaén, Nicolas Ruizha avuto un incontro con il professore di Fisiologia della Facoltà di Medicina di Siviglia e Dottore Honoris Causa dell’UJA, Josè Lopez Barneoex direttore dell’Istituto di Biomedicina di Siviglia, con il quale ha affrontato il futura creazione di un Istituto di ricerca biomedica a Jaén.

Incontro sul lancio dell’Istituto di ricerca biomedica di Jaén.

Nel corso dell’incontro, al quale ha partecipato anche il Prorettore alla Ricerca e Trasferimento delle Conoscenze, Mª Victoria Lópeze il professore emerito dell’UJA Acconciatura di Mª ÁngelesLUI ha analizzato la fattibilità e l’opportunità di creare questo centro misto, che inizialmente sarebbe composto, oltre all’UJA, dall’Ospedale Universitario di Jaén e dal CSIC.con il sostegno istituzionale dei due ministeri della Junta de Andalucía con competenze in Università e Sanità.

Il rettore ha spiegato che questo centro avrà le capacità dell’Università di Jaén in questo settore. In questo senso, Nicolás Ruiz ha ricordato che l’Università di Jaén dispone di gruppi di ricerca nei settori delle Scienze Sperimentali, delle Scienze della Salute e dell’Ingegneria “che sviluppano linee di ricerca all’avanguardia nel campo biomedico”. Allo stesso modo, ha fatto riferimento agli studi che l’UJA insegna relativi alla Laurea in Biologia o alla Laurea in Medicina, a cui si aggiungeranno quelli che verranno insegnati a partire dall’anno accademico 2025-2026 in Biomedicina e Ingegneria e Sistemi di dati. “L’istituto che stiamo cercando di promuovere avrà un carattere multidisciplinare e un chiaro profilo di differenziazione, molto concentrato sugli aspetti tecnologici, integrandosi come pietra angolare ed elemento essenziale della futura città sanitaria di Jaén”, ha dichiarato il Rettore dell’UJA.

Nicolás Ruiz ha anticipato che nei prossimi mesi si intende formalizzare un accordo tra i cinque istituti coinvolti per iniziare a dare forma a questa struttura aggregata di ricerca.. Allo stesso modo, ha annunciato che, a medio termine, si sta valutando l’accreditamento del suddetto istituto comune di ricerca come centro di ricerca biosanitaria da parte dell’Istituto di Salute Carlos III, dipendente dal Ministero della Salute.

Infine, il Rettore ha ringraziato José López Barneo per la sua disponibilità a collaborare con l’Università di Jaén e il resto delle istituzioni coinvolte “affinché questa entusiasmante iniziativa diventi realtà nel più breve tempo possibile e contribuisca a sviluppare per la nostra terra progetti futuri che generare conoscenza, migliore assistenza sanitaria, ricchezza, benessere e opportunità per i nostri giovani”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’esercizio inaspettato che un neuroscienziato consiglia per prendersi cura della salute del cervello
NEXT La Marina argentina ospiterà l’esercitazione combinata Acrux XI