Quattro strategie antidepressione che promuovono il benessere mentale

Quattro strategie antidepressione che promuovono il benessere mentale
Quattro strategie antidepressione che promuovono il benessere mentale

È importante includere nella routine quotidiana almeno alcuni piccoli comportamenti che generino piacere per ridurre i sintomi depressivi (Immagine illustrativa Infobae)

* Il Gruppo INECO è un’organizzazione dedicata alla prevenzione, diagnosi e trattamento delle malattie mentali. Attraverso la sua Fondazione INECO, studia il cervello umano.

Negli ultimi decenni, la ricerca sul trattamento e l’approccio di depressione cominciò a sottolineare non solo la riduzione di sintomi depressivima anche nell’attuazione di utensili che favoriscono la costruzione del benessere nell’individuo.

“Ci sono prove che supportano l’importanza di svolgere attività di base promuovere il benessere mentale. Questi includono dal esercizio fisicoall’adozione di abitudini sane che includano alimentazione e il riposo adeguata. Inoltre è importante provarci evitare comportamenti dannosi come il fumo, il consumo eccessivo di cibo, l’alcol, le droghe, tra gli altri, poiché hanno un impatto significativo sulla salute mentale”, ha commentato l’avvocato. Belén Tarallomembro del Dipartimento di Psicoterapia Cognitiva dell’INECO e specialista in benessere.

In linea con ciò, ha aggiunto: “Il termine benessere include concetti come soddisfazione, felicità e realizzazione”.

Successivamente, il professionista INECO ha condiviso alcune strategie volte alla costruzione del benessere che si sono rivelate utili nell’affrontare la depressione.

Esistono numerose prove che supportano quanto sia benefico l’esercizio fisico per la salute mentale e la coltivazione del benessere. È stato dimostrato che l’attività fisica ricorrente ha degli effetti antidepressivi naturale, tra le altre cose, grazie al rilascio di endorfine che produce.

Allo stesso modo, l’esercizio fisico ha entrambi i benefici immediato COME prolungato durante il giorno.

Questo punto si riferisce alla capacità di sviluppare la capacità di riconoscere e registrare gli elementi positivi che possono verificarsi durante la giornata. Nella depressione, c’è la tendenza ad avere più facilità nel registrare cosa negativo (su se stessi, sugli altri e sul mondo in generale). È così riconoscere le cose positive o per il quale essere grati può essere una sfida.

Il lavoro a questo punto si concentra progressivamente togliere i riflettori dal negativo, e iniziare a identificare e catturare in qualche modo (per iscritto, attraverso foto o dicendo ad alta voce) questioni positive o cose per cui essere grati. Ciò può avere un impatto positivo sull’umore.

Evitare l’eccessivo isolamento è un aspetto fondamentale per lavorare sui sintomi della depressione. Senza pretendere di più dall’individuo, è importante che sia in grado di mantenere un contatto frequente con uno dei suoi cari.

L’importanza di includere almeno alcuni piccoli comportamenti che generino piacere nella routine quotidiana è fondamentale per ridurre i sintomi depressivi.

Nella depressione, un sintomo molto comune è anedonia, intesa come difficoltà a trovare piacere in quelle cose che prima erano gratificanti. Ciò porta spesso l’individuo a ridurli o eliminarli dalla propria routine abituale. Ecco perché lavorare sull’identificazione e reintegrazione e/o aggiunta di attività piacevoli è della massima importanza.

* Belén Tarallo è membro del Dipartimento di Psicoterapia Cognitiva dell’INECO.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV TikTok si è occupato della sicurezza, del benessere e della salute mentale dei giovani
NEXT Gli studenti di medicina hanno tenuto una conferenza sul fumo a Colón