Louis Kiztki e Maddie Le Roux realizzano il loro sogno di diventare ciclisti professionisti

Louis Kiztki e Maddie Le Roux realizzano il loro sogno di diventare ciclisti professionisti
Louis Kiztki e Maddie Le Roux realizzano il loro sogno di diventare ciclisti professionisti

La Zwift Academy ha già i suoi vincitori per l’edizione 2023 dopo una competizione alla quale hanno partecipato più di 108.000 ciclisti. Il tedesco Louis Kiztki e la sudafricana Maddie Le Roux Hanno vinto le prove finali svoltesi a Denia e realizzeranno il loro sogno di diventare ciclisti professionisti questa stagione rispettivamente nelle fila di Alpecin-Deceuninck e Canyon//SRAMseguendo il percorso di grandi personaggi del ciclismo mondiale come l’australiano Jay Vine

Le finali della Zwift Academy sono state trasmesse questa settimana su Eurosport con il titolo “Chasing Down a Dream” (chasing a dream), con alcuni episodi che superano le 170.000 visualizzazioni su YouTube, nel segno di un crescente interesse verso questa avventura per raggiungere il ciclismo professionistico.

Una serie in cui abbiamo potuto conoscere il lato più personale dei sei candidati: Mattia Gaffuri, Antoin Schiffer e Louis Kitzki nella categoria maschile, e Laura Simenc, Maddie Le Roux e Katy Hill in quella femminile. Abbiamo potuto vederli tutti partecipare per una settimana ai concentramenti Alpecin-Deceuninck e Canyon//SRAM a Denia e fare sprint e ripetute in uscite di quattro e cinque ore con ciclisti del calibro del campione del mondo Mathieu Van der Poel o del terza classificata dell’ultimo Tour de France femminile con Zwift Kasia Niewiadoma intorno alla periferia di Denia e salendo il duro Coll de Rates per misurare i suoi dati di potenza negli intervalli, oltre a compiere azioni più quotidiane come scendere in macchina per raccogliere bottiglie.

Una prestazione dei sei finalisti che ha impressionato i tecnici dell’Alpecin-Deceuninck e di Canyon//SRAM, dimostrando fin dal primo momento che ci sarebbe stata una grande battaglia per il contratto professionistico al di là dello ‘spionaggio’ che i ciclisti facevano tra di loro con le vostre attività su Strava. Sono stati però la strada e il rullo a spingere ogni corridore a dare il massimo per impressionare i tecnici di entrambe le squadre con i propri dati negli intervalli, la propria bravura, stabilità e fiducia in discesa e anche simulando le gare, le tattiche e gli ordini dei direttori. sul trainer Zwift sotto l’occhio attento di Van der Poel.

Mancava però ancora l’ultima giornata sulla salita alla Vall d’Ebo, con intervalli e sprint dopo una uscita di quattro ore e mezza per verificare se riuscivano a mantenere la forza dopo diverse ore di sforzo, con i tre ciclisti che hanno superato i 7,4 watt /chilo in uno sforzo finale di quattro chilometri. Nonostante Anton Schiffer abbia mostrato i migliori dati di potenza, alla fine i tecnici Alpecin-Deceunick hanno scelto Louis Kitzki come vincitore delle finali della Zwift Academy e ottenere un contratto con Alpecin-Deceunicnk, dove continuerà la sua progressione insieme ad alcuni dei migliori ciclisti del mondo.

Kristof de Kegel, direttore dello spettacolo Alpecin-Deceuninck, giustifica così la scelta di Louis Kitzki. “In questa edizione della Zwift Academy siamo stati molto vicini tra i finalisti. Louis ha la combinazione della giovane età con la convinzione e la consapevolezza che i suoi ‘punti deboli’ sono solo punti su cui lavorare, cosa che gli ha dato un vantaggio rispetto agli altri finalisti. Tutti e tre avevano capacità fisiche enormi, ma Louis, a nostro avviso, ha il profilo più praticabile a lungo termine.

Da parte sua, Louis Kitzki Stava così festeggiando il suo arrivo ad Alpecin-Deceuninck dopo aver visto il suo sogno realizzarsi il giorno del suo ventesimo compleanno (20 gennaio), quando ha appreso la notizia. “Partecipare alle finali della Zwift Academy è stato indimenticabile. L’allenamento con la squadra e la condivisione con gli allenatori mi hanno permesso di verificare se sono pronto per il ciclismo professionistico. Sono entusiasta di iniziare con il team di sviluppo di Alpecin-Deceuninck e di imparare da alcuni dei migliori di questo sport. Il mio obiettivo è seguire il percorso di Luca e raggiungere nuove vette.”

Da parte tua I candidati per un posto nel Canyon//SRAM hanno svolto l’ultima prova finale con un’impegnativa cronometro di 5,2 chilometri in cui Maddie Le Roux ha ottenuto il miglior tempo con 10:53che ha portato i tecnici Canyon//SRAM a optare per Le Roux, vincitore di queste finali della Zwift Academy e che l’anno prossimo realizzerà il suo sogno di diventare un ciclista professionista nelle fila dei Canyon//SRAM.

Adam Szabó, Direttore Canyon//SRAM ha rivelato le ragioni principali per cui hanno scelto Le Roux come vincitore. “Maddie ha dimostrato il suo valore nelle sfide, distinguendosi nel supportare i suoi leader durante la gara Zwift, che segnò una svolta decisiva. “Siamo entusiasti di dargli il benvenuto nella squadra”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Marco Sotomayor si candida a terzino all’Università del Cile per la squadra cilena: “Lo seguo da tempo”