La rinascita di Eduardo Vargas in Brasile da quando si è dedicato alla religione: “Sto facendo tutte le cose giuste”

La rinascita di Eduardo Vargas in Brasile da quando si è dedicato alla religione: “Sto facendo tutte le cose giuste”
La rinascita di Eduardo Vargas in Brasile da quando si è dedicato alla religione: “Sto facendo tutte le cose giuste”

Eduardo Vargas non stava avendo un bel regalo in Brasile, visto che negli ultimi mesi aveva aggiunto qualche minuto in più Atletico Mineiro e stava attraversando un periodo di siccità. Ora, però, la Nazionale sta vivendo una rinascita nel suo club, segnando una doppietta contro il Fluminense.

Turboman è entrato al 73′ della partita, e nella prima giocata a cui ha partecipato ha segnato 2-1 per la sua squadra che ha perso contro il Fluminense. Solo pochi minuti dopo il cileno pareggia il punteggio, diventando l’eroe della serata.

E anche se l’anno scorso i tifosi dell’Atlético Mineiro avevano chiesto che Vargas lasciasse il club, ora sperano che gli venga rinnovato il contratto e che diventi titolare. Con i suoi tre gol segnati nelle ultime partite È diventato il marcatore del Brasileiraouna situazione che lo rende felice e che, secondo lui, deve questo momento ai cambiamenti che ha apportato nella sua vita e il suo passaggio alla fede cristiana.

In una conversazione con Canal Premier ha osservato: “Voglio ringraziare Dio per le cose che stanno accadendo. Grazie a tutte le persone che mi stanno aiutando: la mia fidanzata, i miei amici pastori, i miei suoceri, i miei genitori, i miei amici… Mi stanno aiutando tantissimo a rialzare la testa.”

La stampa di Rio riporta anche che Eduardo Vargas Recentemente è stato battezzato in una chiesa evangelica. Inoltre, la fidanzata è stata fondamentale nella sua rinascita calcistica: “Ora mi sto allenando bene, sto facendo tutte le cose giuste. Le cose stanno dando i loro frutti sul campo”, ha sottolineato al Correo Braziliense.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Le chiavi della vittoria dei Celtics in Gara 4
NEXT Non guida la “squadra locale”, un allenatore nominato 11 giorni fa e due vittime chiave della Copa América