Indipendente vs. Quito League, una partita che conosce la fine nella LigaPro

16 maggio 2024, 14:58 ET

L’Independiente del Valle ospiterà la Liga de Quito nella partita più importante della 13a data della LigaPro. Il duello è in programma sabato 18 maggio alle 18:00 e potrà essere seguito in diretta su Star+ (solo per il Sud America).

Nel dicembre 2023, queste squadre hanno giocato le finali in casa e fuori per il titolo stagionale, che è stato finalmente ottenuto dalla LDU-Quito. Cinque mesi dopo, la partita si ripete con il sapore della definitività.

Idv è prima con 28 punti e con la prima opzione per vincere questa parte del torneo. La lega occupa la terza posizione con 25 puntima con una partita in sospeso: contro il Barcellona a Guayaquil.

I due club vengono battuti dopo aver perso le partite nella CONMEBOL Libertadores. L’LDU-Quito ha perso 1-0 contro lo Junior allo stadio Rodrigo Paz, mentre la squadra a strisce ha perso 2-1 contro il Palmeiras, a San Paolo.

Independiente e Liga de Quito si preparano per un duello chiave nella LigaPro

L’Independiente avrà meno tempo per preparare la partita, visto che giovedì è tornato nella capitale, nel pomeriggio svolgerà un lavoro moderato e venerdì dovrà preparare la squadra.

LDU-Quito ha avuto un altro giorno di lavoro e soprattutto motivarsi e voltare pagina, perché oltre alla battuta d’arresto sportiva, è sull’orlo dell’eliminazione dai Liberadores e pensa solo alla Sudamericana per salvare il primo semestre.

IDV ha la prima possibilità di vincere la Fase 1Per farlo dovranno sommare i tre punti, visto che sono pressati, oltre alla Liga de Quito, dall’Aucas, che ha 27 punti ed è secondo in classifica.

Sarà senza dubbio una partita con tutti gli ingredienti di una finale perché la squadra che vincerà la Fase 1 si qualificherà per le finali della stagione e della CONMEBOL Libertadores nel 2025.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Junior pareggia, passa prima e finisce imbattuta
NEXT La parola di Riquelme dopo l’eliminazione del Boca: dalla visita ai convocati nello spogliatoio a una frase singolare per il presunto rigore contro Medina