A soli 14 anni: Mateo Apolonio diventa il più giovane calciatore ad esordire in Argentina | Calcio

di Jaime Zavala

Con informazioni sul profilo

Giovedì 16 maggio 2024 | 21:15

Ha superato Kun Agüero e Maradona: Mateo Apolonio è diventato il giocatore più giovane a debuttare in Prima Divisione in Argentina

Nella partita tra Deportivo Riestra E Newell’sin corrispondenza della 16ª finale della Coppa d’Argentina, accadde un fatto storico: un ragazzo di soli 14 anni di nome Matteo Apollonio Debutta ufficialmente con la maglia del Malevo e diventa il giocatore più giovane a giocare durante una partita di calcio argentino.

Ed erano passati 84 minuti dall’inizio della partita quando Cristian ‘Ogro’ Fabbiani Ha deciso di mandare in campo Mateo, che con diverse indicazioni preventive e un gesto pacato, ha iniziato la sua carriera professionistica con la maglia numero 25 del Deportivo Riestra.

Essendo categoria 2010Apolonio non ha avuto quasi alcun intervento nel gioco, poiché è terminato circa 5 minuti dopo il suo ingresso in campo.

Apolonio, che si distingue per aver giocato come laterale a sinistra ed essere mancinoha esattamente 14 anni e 29 giorniquindi ha strappato il disco Sergio ‘Kun’ Agüeroche ha debuttato nella Primera de Independiente con 15 anni 1 mese e 3 giornicome il calciatore più giovane a debuttare nel calcio argentino.

Il terzo della lista era Diego Maradonache fece il salto con l’Argentinos Juniors nel 1976 a 15 anni e 355 giorni.

La cosa curiosa è che i giovani Non mi ero mai allenato prima da Riestra finché non lo ha chiamato l”Orco’ Fabbiani, che ha già in mente di far disputare al ragazzo la sua prima partita in Nazionale Lega Professionistica Argentina nei prossimi giorni.

Seguici su Google News:

Logo di Google Notizie

Iscriviti al nostro canale WhatsApp:

Logo WhatsApp

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Oggi il River news LIVE: la trattativa per Adam Bareiro, a buon punto per Ledesma e come prosegue il mercato
NEXT Marcela Gómez ha rivelato il motivo della partenza di Daniela Henao dall’America