Oleksandr Usyk ha vinto un drammatico incontro contro Tyson Fury, ha unificato tutti i titoli dei pesi massimi e ha fatto la storia della boxe

Oleksandr Usyk ha vinto un drammatico incontro contro Tyson Fury, ha unificato tutti i titoli dei pesi massimi e ha fatto la storia della boxe
Oleksandr Usyk ha vinto un drammatico incontro contro Tyson Fury, ha unificato tutti i titoli dei pesi massimi e ha fatto la storia della boxe

Il drammatico nono round tra Tyson Fury e Usyk

La boxe ha vissuto una giornata storica nel Arena del Regno dalla città di Riyadh in Arabia Saudita: Oleksandr Usyk ha rotto l’imbattuto Tyson Furia e unificato tutti i titoli mondiali dei pesi massimi per la prima volta in più di due decenni.

L’ucraino di 37 anniche era sul punto di essere eliminato al nono round, ha vinto per decisione divisa ed è ora il proprietario delle cinture del World Boxing Council (WBC), Organizzazione mondiale della boxe (OMB), Associazione mondiale della boxe (AMB), Organizzazione internazionale della boxe (IBO) e la Federazione Internazionale di Pugilato (IBF). Oltre ad allungare il suo record di imbattibilità: 22 vittorie, 14 eliminazioni.

I risultati dei giudici? Mike Fitzgerald 114-113 a favore di Fury, Craig Metcalfe 113-114 per Fury e Manuel Oliver Palomo 115-112 per chi è stato il vincitore.

Già al primo turno, Fury si voltò e arringò il popolo, regalandogli un vero spettacolo. La verità è che il britannico ha gestito lo spettacolo e la distanza in partenza. Le sue lunghe braccia gli hanno permesso di tenere a bada l’ucraino per gran parte della prima parte della serata. Ha avuto ragione quando ha potuto, ha bloccato quando ha dovuto e ha evitato nei momenti di massima lucidità. È anche vero che ogni colpo di Usyk sollevava gli “uhh” dello stadio grazie alla potenza dei suoi pugni..

Ma tutto cominciò a cambiare lentamente. La bilancia pende dall’altra parte. Senza andare oltre, al nono turno Re zingaro la campana lo salvò: dopo un sinistro letale in faccia da parte del suo rivale, ha girato sul ring senza riuscire a controllare i suoi movimenti e anche l’arbitro lo ha contato. Dopotutto, l’ucraino lo ha avuto più volte a portata di mano.

I gesti di Tyson Fury durante il primo round (Foto: Reuters/Andrew Couldridge)

Dentro Arena del Regno La giornata è stata vissuta come una vera serata di gala con ospiti stellari del calibro di Cristiano Ronaldo, Neymar, Andriy Shevchenko, Steven Gerrard, Aymeric Laporte O Jean claude van damme per citare alcuni casi al di fuori della boxe, ma anche con riferimenti nella disciplina come Wladimir Klitschko, Anthony Joshua, Lennox Lewis o Amir Khan.

“Grazie mille alla mia squadra. È una grande opportunità per la mia famiglia, per me, per il mio Paese. È un grande momento, è un grande giorno. Sì, naturalmente. Sono pronto per una rivincita“, avvertì dal ring il nuovo vincitore.

Dall’altra parte la risposta è arrivata subito: “Penso di aver vinto quella battaglia. Penso che abbia vinto alcuni round, ma io ne ho vinti la maggior parte. È stata una delle decisioni più stupide nella boxe. Tornerò. Torneremo dalle nostre famiglie e lo rivedremo ad ottobre. Torneremo, ci riposeremo. Penso di aver vinto la battaglia, ma non ho intenzione di sedermi, piangere e trovare scuse. “Lo faremo di nuovo a ottobre.”

“Sono pronto per la rivincita”, ha detto il vincitore (Foto: Reuters/Andrew Couldridge)

Il dettaglio è che l’ucraino Sarà il primo campione indiscusso della categoria più scioccante nella boxe per la prima volta in più di due decenni. L’ultima volta che è accaduta una cosa del genere è stato nel 1999, quando Lennox Lewis unificarono le principali corone di quel tempo dopo averle superate Evander Holyfield. A quel tempo, il titolo WBO (fondato nel 1988) non aveva lo stesso prestigio, quindi questa è la prima volta che verrà aggiunto.

Lui Re zingaro lasciando così il suo imbattuto con 34 vittorie (24KO) e un pareggio in Arabia Saudita: firma la sua prima sconfitta da professionista. In cambio, ha intascato più di 100 milioni di dollari e il suo rivale vicino 45 milioni di quella stessa valutasecondo le informazioni del quotidiano britannico Specchio.

Finisce così il regno del pugile 34enne che nel 2020 era diventato proprietario della corona mondiale WBC dopo aver sconfitto nettamente l’americano Deontay Wilder a Las Vegas nel corso del 2020. Dopo di che ha difeso nuovamente lo scettro contro Wilder, Dillian Whyte e Derek Chisora, quest’ultimo nel dicembre 2002 al Tottenham. Sebbene nell’ottobre 2023 sia entrato sul ring per un combattimento ufficiale, non ha esposto formalmente le sue corone: ha sconfitto l’ex campione UFC Francesco Ngannouche ha fatto il suo debutto nella boxe ed è riuscito ad abbatterlo in una presentazione epica.

Il nome che, alla fine, rimarrà scolpito nella storia è Usyk. Già nel 2021 aveva dato il grande colpo nella categoria, battendo sulle carte il pluricampione Antonio Giosuè come visitatore di più di 60mila persone nel Stadio del Tottenham Hotspur. Già con le cinture del WBO, WBA, IBO e IBF, ha battuto di nuovo Joshua con una decisione divisa e ha eliminato Daniel Dubois. Nel frattempo, medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Londra nel 2012, ha interrotto per un po’ la sua carriera per unirsi ai ranghi dell’esercito ucraino dopo l’invasione russa del suo paese nel 2022.

Durante l’anteprima di questo incontro in Arabia Saudita, l’irlandese Anthony Cacace ha sferrato il colpo e ha vinto i titoli mondiali dei pesi piuma dell’International Boxing Organization (IBO) e dell’International Boxing Federation (IBF) dopo aver battuto Joe Cordina per KO. Mentre Jai Opetaia ha mantenuto il titolo IBF dei pesi leggeri dopo aver vinto una decisione unanime su Mairis Briedis.

Usyk con la bandiera ucraina e tutti i suoi titoli (Foto: Reuters/Andrew Couldridge)

IL CARTELLONE COMPLETO

Oleksandr Usyk ha sconfitto Tyson Fury con una decisione divisa (titoli dei pesi massimi WBC, WBO, WBA, IBO e IBF)

Jai Opetaia ha sconfitto Mairis Briedis (titolo IBF dei pesi leggeri) con decisione unanime

Anthony Cacace ha sconfitto Joe Cordina per KO (titoli IBF e IBO dei pesi piuma)

Agit Kabayel ha sconfitto Frank Sánchez (pesi massimi) per KO

Moses Itauma ha sconfitto Ilja Mezencev (dei pesi massimi) per KO

Mark Chamberlain ha sconfitto Joshua Oluwaseun Wahab (leggero) per KO

Robin Sirwan Safar ha sconfitto Sergey Kovalev (cruiserweight) con decisione unanime

David Nyika ha sconfitto Michael Seitz (cruiserweight) per KO

Isaac Lowe ha sconfitto Hasibullah Ahmadi (peso piuma) ai punti

Daniel Lapin ha sconfitto Octavio Pudivitr (pesi massimi medi) per KO

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Tutte le espulsioni di Edinson Cavani nel corso della sua carriera
NEXT Marcela Gómez ha rivelato il motivo della partenza di Daniela Henao dall’America