Il mercato si muove nel River: la storia nella lente d’ingrandimento, il centrocampista offerto dall’Europa e il personaggio d’interesse locale

Il mercato si muove nel River: la storia nella lente d’ingrandimento, il centrocampista offerto dall’Europa e il personaggio d’interesse locale
Il mercato si muove nel River: la storia nella lente d’ingrandimento, il centrocampista offerto dall’Europa e il personaggio d’interesse locale

Con la squadra già agli ottavi di finale della Copa Libertadores, Demichelis cerca di aggiustare la rosa per fare colpo (REUTERS/Cesar Olmedo)

Due partite Lega Professionistica, due vittorie; con sei gol a favore e nessuno contro. Prima nel girone H Coppa Libertadores, con 13 punti e un record imbattuto. E questo martedì verrà misurato Temperley a Mendoza per la sedicesima finale del Coppa Argentina. La passeggiata di River Plate E’ di buon auspicio per i tifosi. Ma sia la leadership che la testa Jorge Brito come lo staff tecnico che comanda Martin Demichelis Stanno scommettendo sulla modifica di alcuni dettagli della squadra per fare colpo a livello internazionale. Per questo a Núñez si stanno già delineando alcuni movimenti del mercato.

Il carnet questa volta sarà aperto per tre mesi: dal 1 giugno al 30 agosto. E in mezzo c’è la Copa América, quindi il club avrà tempo per negoziare. Una delle priorità della Banda è rimpatriare Pezzella tedescacampione del mondo con l’Argentina a Qatar 2022. Il difensore 32enne ha un contratto con il Betis fino al 2026, ma ha sempre reso pubblico il desiderio di tornare nel club dove è nato e dove ha vinto cinque titoli, tra cui un Liberatori di coppe.

Al River sono ottimisti sulla situazione, anche se l’intenzione è quella di aspettare la fine della competizione in Spagna (sabato la squadra sivigliana farà visita al Real Madrid per l’ultimo appuntamento del campionato) per accelerare. Il Betis è settimo in classifica e si è qualificato per la Conference League della prossima stagione. Il primo passo è stato provare a farlo partire a svincolo, con un contratto in linea con un calciatore della sua gerarchia, ma la cosa più probabile è che finisca per pagare la clausola rescissoria, che nell’ultimo rinnovo è scesa Da 50 milioni di euro a quattro.

Pezzella, con la casacca del Betis, dove è molto amato

Il leader della Lega Professionisti probabilmente aggiungerà qualche rinforzo in mezzo. In questo contesto, è stato offerto Luca Robertone. L’ex centrocampista del Vélez, 27 anni, è appena retrocesso nella Seconda Divisione spagnola con l’Almería e già giocava nel Núñez ai tempi di Marcelo Gallardo sulla panchina delle riserve. Ma per il momento non è altro che un’offerta. Altri nomi potrebbero sorgere in quella zona del campo. ¿Matías Zarachoex Racing oggi all’Atlético Mineiro, può essere uno di loro?

E nell’attacco c’è un nome sottolineato con la fibra fluorescente, il che è interessante. La squadra ha un cannoniere scatenato: Miguel Borja. Ma con caratteristiche da centravanti, dietro, c’è un giovane dalle potenzialità enormi Agostino Ruberto. E Demichelis ci ha scommesso Facundo Colidio in quel ruolo. Di conseguenza, River si tuffa alla ricerca di qualche variante lì.

Robertone, segnato da Jude Bellingham nel duello contro il Real Madrid (REUTERS/Isabel Infantes)

E un nome interessante è quello di Adam Bareiro. Il 27enne attaccante paraguaiano, elogiato anche da Juan Román Riquelme, presidente del Boca, aveva rinnovato a marzo il contratto con il San Lorenzo, ma in detta operazione La sua clausola d’uscita è scesa a 3,5 milioni di dollari; una cifra su cui River potrebbe investire. Naturalmente, è improbabile che Ciclón sia disponibile a negoziarlo nel calcio locale. La chiave potrebbe essere nel futuro della squadra guidata da Leandro Romangoli in Copa Libertadores.

El Cuervo ha sette punti nel Gruppo F ed è secondo, dietro al Palmeiras. In questo modo passerebbero agli ottavi di finale. Ma l’ultimo giorno visitano Verdao e l’Independiente del Valle e il Liverpool (entrambi con quattro) si incontrano in Ecuador. Un punto garantirebbe il futuro del Barça nella massima competizione continentale. In caso di sconfitta dipenderà da cosa accadrà nell’altra partita. Con la continuità in Libertadores diminuiscono le possibilità che si liberi del suo capitano.

Bareiro, la grande figura di San Lorenzo (Fotobaires)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Félix Sánchez, alla ricerca di (un altro) miracolo con l’esordio dell’Ecuador