“Immagine scandalosa…”: il giornalista spagnolo attacca Claudio Bravo e la Real Sociedad dopo aver reso omaggio al cileno

“Immagine scandalosa…”: il giornalista spagnolo attacca Claudio Bravo e la Real Sociedad dopo aver reso omaggio al cileno
“Immagine scandalosa…”: il giornalista spagnolo attacca Claudio Bravo e la Real Sociedad dopo aver reso omaggio al cileno

Bravo Claudio Ha ricevuto un commosso omaggio domenica scorsa prima dell’inizio della partita tra Real Betis e Real Sociedad nel campionato spagnolo. La squadra guidata da Manuel Pellegrini gli ha fatto un salone d’onore e il club gli ha regalato un dipintotutto questo come un addio, visto che il portiere cileno lascerà la squadra a fine stagione.

Oltretutto, La Real Sociedad ha anche reso omaggio a chi è stato il suo portiere tra il 2006 e il 2014. La squadra basca ha fatto un regalo al portiere della nazionale e ha pubblicato il momento sui propri social network.

Un omaggio che ha suscitato polemiche in Spagna

Il giornale Mondo dello sport ha pubblicato questo martedì un articolo scritto dal giornalista spagnolo Ángel López, che ha attaccato Claudio Bravo e la Real Sociedad, criticando il tributo ricevuto dal portiere. Tutto questo a seguito di un conflitto legale che il cileno ebbe con il suddetto club anni fa.

“Quanto è scioccante e per certi versi scandalosa l’immagine della società che fa un regalo a Claudio Bravo. Gli è difficile onorare certe leggende, ma non tanto premiare chi gli ha fatto del male. Bravo è andato al Barça e ha preteso 1,3 milioni che non gli appartenevano finché non è arrivato alla Corte Suprema. “Forse l’intrattenimento non era necessario” – ha osservato López.

Il giornalista ha fatto riferimento alla causa che Bravo ha intentato contro la Real Sociedad per chiedere il pagamento di 1,3 milioni di euro per il suo trasferimento al Barcellona nel 2014. Ma la giustizia spagnola ha finito per dare ragione al club basco e il portiere ha perso la causa.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Un altro giocatore sospettato di abusi è vicino a firmare per il club di Mendoza