Flick entra nel mondo del Barça attraverso Guardiola | Sollievo

Flick entra nel mondo del Barça attraverso Guardiola | Sollievo
Flick entra nel mondo del Barça attraverso Guardiola | Sollievo

Hans-Dieter Flick (1965, Heidelberg, Germania) È la scommessa di Joan Laporta per la panchina del culé nel caso in cui l’espulsione di Xavi venisse confermata dopo la partita contro il Siviglia. Al presidente piace la scuola tedesca. E tra i tedeschi, in cima alla lista c’è l’ex allenatore del Bayern e della Nazionale tedesca. Flick è ammirato per la sua filosofia calcistica offensivail buon trattamento con la palla, la pressione e il suo lavoro tattico lo ha portato a realizzare il secondo sestetto della storia del calciodietro a quello realizzato proprio dal Barça di Pep Guardiola.

Flick pensa al Barcellona da mesi. Dalla fine di gennaio, quando Xavi ha annunciato che lascerà il suo incarico a fine stagione, il club si è messo al lavoro. E Flick è comparso nella lista dei candidati. L’opzione preferita dal presidente, grande estimatore della scuola tedesca. Inoltre il rappresentante dell’allenatore è Pini Zahavi, grande amico di Laporta. Il presidente, infatti, ieri sera ha chiamato l’agente per dargli l’ok definitivo. L’ex allenatore ha addirittura raggiunto un accordo con il Barça prima della ratifica di Xavi. Come ha appreso Relevo, questo ha dato fastidio a Flick, che si vedeva già alla guida dei Blaugranas la prossima stagione.

Il sogno del tedesco sta per diventare realtà. Recentemente ha detto no al Manchester United e al Chelsea. Amante della tattica e della famiglia, en La Germania dubita della sua prestazione in un Barça instabile. Lo credono diversi giornalisti tedeschi interpellati da Relevo il disastro della Coppa del Mondo in Qatardove i tedeschi non sono riusciti nemmeno a superare la fase a gironi, danneggiare la tua reputazione nonostante i grandi successi ottenuti in passato con il Bayern. Una delle qualità che risaltano nel tedesco è il suo impegno verso i giovani.ha lavorato con le categorie inferiori della ‘Die Mannschaft’ e ha diretto l’Hoffenheim, club che scommette sul settore giovanile, e anche il suo rapporto con i pesi massimi, come ha già dimostrato a Monaco con Lewandowski o Müller. Oltretutto, ha fatto il debutto con Jamal Musiala A 17 anni e 115 giorni è stato il più giovane giocatore del Bayern ad esordire in Bundesliga.

Viaggio a Manchester per parlare con Guardiola e ‘Dome’

All’inizio di marzo, Il tedesco si è recato nella città inglese per vedere la vittoria del City contro il Copenaghen nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League (3-1). Il giorno dopo è venuto a vedere l’allenamento dei giocatori di Pep Guardiola. Laggiù Rimase a chiacchierare e si divertì con Pep e il suo gruppo di lavoro, condividendo esperienze.

Flick soddisfa gran parte delle esigenze che il Barça sembra chiedere al sostituto. Durante il suo breve soggiorno a Manchester Ha coinciso con il secondo di Pep al Bayern, Domènec Torrent., che era in visita, incontrando vecchi amici ed ex colleghi. Lì ha incontrato Flick. Hanno cenato insieme, in uno dei locali tradizionali della città, un tipico rodizio, nel ristorante Fazenda. Parlando di calcio e Barça, ovviamente. Quindi se Flick sa già qualcosa, è quello che è il Barça..

Accordo chiuso con Flick

L’accordo con l’ex Bayern è totale. I termini del contratto sono stati chiusi mercoledì scorso a Londra, anche se, come riportato su Relevo, L’accordo tra il club blaugrana e l’allenatore tedesco era già concordato prima della ratifica di Xavi e quindi, Firmerei per una stagione, più un’altra facoltativa a seconda dell’andamento, che coinciderebbe con la fine del mandato di Laporta. Flick aspetta il via libera del club per recarsi a Barcellona nei prossimi giorni. Prima, Il Barça dovrà comunicare la decisione presa a Xavi all’inizio della prossima settimana. Per ora, la partita di domenica allo stadio Ramón Sánchez-Pizjuán contro il Siviglia è l’ultima dell’Egarense sulla panchina del culé.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT I tifosi dell’U iniziano la campagna per il ritorno di Charles Aránguiz