Lanús ha sferrato il colpo: ha lasciato cadere l’ultimo campione :: Olé

Lanús ha sferrato il colpo: ha lasciato cadere l’ultimo campione :: Olé
Lanús ha sferrato il colpo: ha lasciato cadere l’ultimo campione :: Olé

24/05/2024 20:28Aggiornato il 24/05/2024 23:24

Ha dato il colpo. Il Lanús, che aveva guadagnato un solo punto in campionato, sorprende e lascia cadere l’Estudiantes, ultimo campione. La squadra locale, guidata dai criteri di Marcelino Moreno, ha vinto perché è stata efficace e ha colpito nei momenti giusti. E ha tagliato il record di imbattibilità di Pincha di sette partite per torneo.

La partita è stata avvincente fin dall’inizio, con un botta e risposta frenetico che sembrava anticipare un duello bastone e bastone. Bou è rimasto mano nella mano e Mansilla ha soffocato le urla dei tifosi granatesi che lottavano col fiato sospeso contro il freddo. Pochi secondi dopo, Correa ha tirato bene, ma si è scontrato con i guanti di Aguerre e Piatti non è riuscito a respingere la ribattuta che è entrata sul secondo palo. La partita non ha avuto un padrone chiaro, ma quelli del Plata hanno gestito un po’ di più la palla. Con possesso lungo, Cetré, Sosa e Piatti hanno ruotato le posizioni alle spalle di Correa per non dare riferimenti ai marcatori e provare a creare spazi. Anche Ascacíbar sorprende entrando senza marcatura da dietro ed entrando in area. Così ha avuto due situazioni chiare: un sinistro deviato che entrava sul secondo palo e un colpo di testa pericoloso. L’Estudiantes avrebbe potuto passare in vantaggio, ma Sosa non si è fatto convalidare il gol su richiesta del VAR, che ha rilevato un precedente fuorigioco di Piatti.

Lanús, che aveva dominato nel primo tempo, sorprende all’alba del complemento. Marcelino Moreno, il giocatore più attento e pericoloso della squadra, ha sferrato un preciso sinistro per aprire il punteggio. L’Estudiantes accusa il colpo, ma si riadatta e reagisce con un grande anticipo di Mancuso su cross di Cetré per suggellare il pareggio. Sì, l’autore del gol chiave nella finale di Coppa di Lega contro il Vélez è ancora in fiamme. Nella loro ansia di fare tutto, Pincha si è lasciato indifeso e ha lasciato spazi che permettessero loro di avvicinarsi a Lanús. Prima ci va vicino con una bomba di Luciatti che Mansilla copre. E dopo poco Bou, che alla fine venne espulso per aver colpito Zuqui, sigillò il secondo.

Gli studenti hanno venduto a caro prezzo la sconfitta. Grana alla fine l’ha sopportato con ordine e determinazione. E si è sfogato.

Rapina violenta a Marcelino Moreno

Prima del gran gol di sinistro per il parziale di 1-0 del Lanús, ha avuto uno spavento enorme. Marcelino Moreno ha subito una violenta aggressione nella sua casa di Ezeiza. Il calciatore del Lanús non era in casa al momento della rapina. La sua compagna, Katy Rivero, era in casa con la madre e i due figli quando due criminali armati e mascherati hanno fatto irruzione. “E arriva un giorno in cui due disumani entrano nella tua casa, ti minacciano, ti abusano fisicamente e psicologicamente, senza compassione per i bambini”, ha scritto sul suo Instagram. Deplorevole.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Gli Emirati Arabi Uniti hanno deciso con Pogacar: confermato il libro paga del Tour
NEXT Wilmar Roldán ha criticato i giornalisti e li ha mandati a leggere il regolamento