Courtois, da zero a eroe

Courtois, da zero a eroe
Courtois, da zero a eroe

Ancelotti sta bluffando: non c’è dibattito. Almeno non in porta. Courtois sarà il portiere a Wembley. Una decisione che maturava da qualche settimana, ma che aspettava con ansia la prestazione che il belga avrebbe offerto. E non avrebbe potuto essere migliore. Dal suo ritorno non ha ancora subito un gol. Zero, in quattro partite. Convince e rassicura, al punto che non ci sono più dubbi. Fumo bianco.

Ci sono state quattro partite. Il suo ritorno avvenne il 4 maggio, in occasione della visita di Cadice al Bernabéu (3-0). Un pomeriggio ricordato, oltre all’alirón, per il suo emblematico salvataggio su Chris Ramos. Forse non il più impegnativo della sua carriera ma, senza dubbio, uno dei più celebrati. Al Bernabéu sembrava un gol. Era tornato. E lo confermò una settimana dopo Bomba a mano (0-4). Chiudendo di nuovo il lucchetto.

Courtois, contro il Betis.GESÙ ALVAREZ ORIHUELADiarioAS

Zero gol in 17 tiri

Era giunto il momento di mandare su di giri ancora un po’ il motore, quindi nell’equazione è stato introdotto un nuovo test: vgiocando di nuovo solo tre giorni dopo… e osservare come ha risposto il suo ginocchio (quello destro, quello con il menisco; ecco, con quello sinistro, quello con il crociato, qualsiasi fantasma è stato spaventato molto tempo fa). Approvato e con voto. La sua prestazione contro Alaves (5-0) terminava in maiuscolo: fatto dieci fermate. Per contestualizzarlo, due fatti: È stato il record più alto della sua carriera in qualsiasi competizione nei cinque principali campionati. (540 partite) e il primo portiere del Real Madrid ad riuscirci in campionato e senza subire gol, dai tempi di Casillas contro il Saragozza (11; stagione 2007-2008).

Courtois è tornato ad essere Courtois. Ma una tripletta da clean sheet non è bastata, così questo sabato, all’addio di Kroos, ha firmato la quarta (0-0 contro il Betis). Una partita che ha condiviso con Kepa. In totale, contro il belga sono stati sparati 17 colpi… e nessuno è entrato. E in quelle quattro partite è stato rilevato un solo errore: poteva essere l’1-0 contro il Betis, dopo una brutta partenza, ma non era dovuto al fuorigioco. Un emendamento in toto, via VAR, che lo assolve.

Titolare in Champions

Courtois si è messo alla prova questo mese e i risultati sono eccezionali. Ha la potenza, l’agilità e l’abilità del passato. Va bene in alto e non ha paura di mettere alla prova le sue ginocchia per andare in basso. È al 100%. E in quelle condizioni non c’è dibattito. “Ho una settimana per pensare… e ci sono ancora dei dubbi per gli undici. Mi piace il dibattito che si è creato e lo terremo fino a sabato“, disse Ancelotti in una conferenza stampa. Sta bluffando. Almeno con l’obiettivo. Il tuo tutore lo sarà Tibu. Da zero a eroe, in a pispas.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Caruso, ceduto ai Thunder
NEXT Marcela Gómez ha rivelato il motivo della partenza di Daniela Henao dall’America