Gallardo è stato sconfitto dall’Al Nassr di Cristiano nella sua difficile ultima partita da allenatore dell’Al Ittihad :: Olé

Gallardo è stato sconfitto dall’Al Nassr di Cristiano nella sua difficile ultima partita da allenatore dell’Al Ittihad :: Olé
Gallardo è stato sconfitto dall’Al Nassr di Cristiano nella sua difficile ultima partita da allenatore dell’Al Ittihad :: Olé

27/05/2024 15:05Aggiornato il 27/05/2024 17:57

L’Al Ittihad di Marcelo Gallardo ha subito una sconfitta per 4-2 contro l’Al Nassr di Cristiano Ronaldo (ha segnato una doppietta) questo lunedì pomeriggio nell’ultimo appuntamento della Saudi Professional League. Questa è stata l’ultima partita di Muñeco alla guida del Tigres, che concludono una stagione in cui non sono riusciti a ottenere alcun titolo o a qualificarsi per la prossima Champions League asiatica.

Ed è stata un’ultima partita difficile per Gallardo come direttore tecnico dell’Al Ittihad, perché, poche ore prima della partita, si è appreso che il suo storico rappresentante, Juan Berros, è morto all’età di 69 anni nella città di Rosario per problemi cardiaci. Infatti, Muñe, senza un futuro chiaro, dovrebbe recarsi in Argentina per salutare l’uomo d’affari. La firma della risoluzione del suo contratto con il club (aveva un contratto fino al 2025) sarà rinviata.

Per quanto riguarda la partita, c’è stata poca azione da parte di Al Ittihad nel primo tempo e netto dominio di Al Nassr, con diverse chiare occasioni per Cristiano. Due di questi infatti sono finiti in gol, ma entrambi sono stati annullati per fuorigioco. Non è stato fino al 45° minuto quando El Bicho, ormai abilitato, ha ricevuto un eccellente passaggio aereo da uno dei marcatori centrali per segnare 1-0.

Il portoghese ha ricevuto un cartellino rosso diretto da Al Manhali al 65′ del secondo tempo dopo essere stato uno contro uno sotto porta e ha allungato la differenza solo tre minuti più tardi, con un bel gol di testa. Il 50esimo gol per lui in 50 partite stagionali e un record: Ha concluso con 35 gol in 34 partite nella Saudi Professional League ed è diventato il giocatore che ha segnato più gol in una stagione in questo torneo. (il traguardo è stato di Abdel Razzaq Hamdallah, oggi ad Al Ittihad appunto, con 34 grida). Successivamente viene sostituito e al 72′ tra gli applausi.

Solo sei minuti dopo, su rigore, Al Nassr realizzava il 3-0 con un gol di Ghareeb e la partita sembrava destinata a fallire. Tuttavia, all’81’, Gallardo, che ha trascorso gran parte della partita seduto, ha mandato in campo Al Shamrani che ha subito segnato un gol. Fabinho, anche lui dal 12′, segna ancora per Al Ittihad al 90′ e gli uomini di Muñeco erano entusiasti di pareggiare la partita nei minuti supplementari. Tuttavia, Tutto si è risolto quando Al Nemer ha segnato il 4-2 finale.

Gallardo chiude così la sua permanenza all’Al Ittihad con un record di 15 vittorie, quattro pareggi e 14 sconfitte.

Marcelo Gallardo, nella sua ultima partita alla guida dell’Al Ittihad.

Cristiano ha segnato una doppietta contro l’Al Ittihad. (Foto: Reuters)

Video: il riassunto della partita

Gallardo suonava a Milano

Qualche settimana fa la Bambola era stata nuovamente coinvolta nella candidatura alla guida del Milan. I rossoneri stanno valutando un cambiamento significativo nel proprio staff tecnico dopo una stagione segnata dalle delusioni. La squadra cade nei quarti di Europa League contro la Roma, viene eliminata con l’Atalanta in Coppa Italia e finisce seconda in Serie A, niente di meno che a 19 punti dall’Inter campione. La fine della stagione segnerà quindi l’addio di mister Stefano Pioli.

In questo contesto, quando è fresca la notizia del suo prematuro addio (si è insediato lo scorso 20 novembre in Arabia), Gallardo ancora una volta suonava come un candidato alla guida di uno dei colossi d’Italia. Se un mese fa a parlarne era La Gazzetta dello Sport, ora sono stati diversi media e giornalisti, come Gianluca Di Marzio, esperto di calciomercato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “Gli faremo giocare a golf quando vuole”
NEXT Marcela Gómez ha rivelato il motivo della partenza di Daniela Henao dall’America