Leo Messi si emoziona come non mai in un’intervista

Leo Messi si emoziona come non mai in un’intervista
Leo Messi si emoziona come non mai in un’intervista

Leone Messi vive un prima e un dopo della sua carriera con il Nazionale Argentina dopo essere Campione del mondo. In realtà la sua trasformazione è iniziata un anno e mezzo prima con l’ottenimento del Coppa America 2021 al Maracaná per porre fine alla serie crudele di 28 anni senza titoli per l’Albiceleste nonostante abbia il miglior giocatore del mondo e uno dei migliori della storia.

Il suo gesto verso la sezione delle tribune del Lusail Stadium dove il suo famiglia dopo la finale contro la Francia nel Mondiali del Qatar, riassume la sua carriera leggendaria e tutta la sofferenza che c’era dietro sia Leo che i suoi cari. Ma tante critiche non mi hanno impedito di continuare a provarci Con quella Coppa il calcio ha restituito tutto quello che Messi ha dato al calcio. e a milioni di fan in tutto il mondo da 20 anni.

Ho visto quel video 500mila volte. Guarda, il tempo è passato ma Ogni volta che lo vedo mi succede la stessa cosa. Anche per questo ho fatto questo gesto perché so cosa volevano, prima io e poi la Nazionale argentina, per diventare campioni del mondo”, ha reagito Leo Messi, visibilmente emozionato, durante l’intervista con il giornalista argentino Martín Arévalo per ESPN.


Il capitano della Nazionale argentina rivive uno dei suoi momenti preferiti dei Mondiali e si emoziona.

Leo Messi e la presenza dei figli in Qatar 2022: “Non ha prezzo”

Mentre Leone Messi si prepara a competere in una nuova Coppa America con il Nazionale Argentina giorni di distanza dall’adempimento 37 anni e ora senza lo zaino del “dover vincere qualcosa”, il 10 vive quello precedente con tranquillità e gioia, godendosi la concentrazione e il tempo condiviso con i compagni.

Si prende anche il tempo necessario per assistere alla stampa in interviste individuali come quella rilasciata a ESPN ed è più libero che mai di parlare di tutti gli argomenti. Ma tornando a quel momento dopo essere diventato campione del mondo in Qatar e ai gesti con la sua famiglia che hanno detto molto più di mille parole, ha aggiunto: “So come lo volevano, so cosa hanno sofferto, quello che hanno combattuto con tutti. Ebbene, viene mostrato come lo vivevano e come erano.”

Poi ha indicato i suoi figli e, naturalmente, se la Coppa del Mondo fosse arrivata prima non l’avrebbero vissuta e questo per qualcuno così familiare come Messi è un enorme vantaggio. “La verità è che è bello poter vedere tutti, ovviamente, ma soprattutto i miei figliA Thiago piange e il modo in cui lo ha vissuto, È inspiegabile”.

Antonela Roccuzzo con Thiago, Mateo e Ciro

IG Antonela Roccuzzo

“Ecco perché ti parlavo anche dei momenti. Se fosse successo prima forse Thiago (11), Mateo (8) e Ciro (6) non sarebbero statiNon l’avrebbero vissuto così, soprattutto Thiago che visse quel Mondiale così e vide me e l’Argentina diventare campioni del mondo. inestimabile”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Perché Carlos Salcedo si sarebbe perso la veglia funebre della sorella Paola: la teoria che coinvolge l’Unión Tepito
NEXT Attivisti animalisti protestano a Pamplona alla vigilia di San Fermín contro la “crudeltà medievale” della corrida