Una pillola amara per Demichelis in vacanza: l’atteggiamento del figlio nelle giovanili del River

Una pillola amara per Demichelis in vacanza: l’atteggiamento del figlio nelle giovanili del River
Una pillola amara per Demichelis in vacanza: l’atteggiamento del figlio nelle giovanili del River

Ascoltare

Mercoledì 14 agosto. Poco meno di due mesi. Sarà un giorno chiave per il Le aspettative del River in Copa Libertadores. Una giornata in cui si disputerà la prima delle partite degli ottavi di finale, a Córdoba, contro il Talleres, un avversario molto rischioso, che li ha già superati in alcune occasioni e che, per di più, è uno dei leader della classifica League Professional, insieme a Huracán e Unión, di Santa Fe. La serie con T si chiuderà il 21 agosto.

Sicuramente la Professional League riprenderà dopo la Copa América (si concluderà domenica 14 luglio), con la disputa del sesto appuntamento in cui il River sarà in casa contro il Lanús, nel weekend del 20-21 luglio. La squadra ha la licenza fino al 1 luglio e l’allenatore, Martin Demichelisè in vacanza a Marbella, dove ha vissuto per 15 anni, nell’Icon Complex, in una zona residenziale nel quartiere di Santa Clara Golf.

Ha acquistato la casa mentre giocava Málaga, dove è considerato uno dei giocatori più importanti nella storia del club. Sono ricordati soprattutto per le loro prestazioni nella stagione 2010/2011 per evitare la retrocessione e nella stagione 2011/2012 in cui la squadra finì al quarto posto, ottenendo un posto per partecipare nientemeno che alla Champions League. Negli ultimi giorni, Demichelis ha visitato il club e ha ricevuto un’accoglienza calorosa.

Il DT ha cercato di ritrovare le energie dopo un primo semestre faticoso, con tante domande e malumori da parte di buona parte dei tifosi. Qualcosa che ha assunto una dimensione maggiore dopo tre cadute: con il Boca, nei quarti di Coppa di Lega; con il Temperley (ai rigori), che ha portato alla loro eliminazione dalla Coppa d’Argentina, e contro il Deportivo Riestra, per la Lega Professionisti. Le ultime due sono squadre con meno risorse e anche il Temperley gioca in promozione.

Nel frattempo la vita va avanti. Anche se a volte il destino muove le sue carte. E Demichelis forse non riesce a rilassarsi nemmeno durante le vacanze in Costa Brava. Nelle ultime ore è diventata virale una situazione di gioco, quella di un match nelle serie inferiori del River, in cui è coinvolto il figlio maggiore, Bastian, che agisce nell’8a divisione.

Martín Demichelis e suo figlio Bastian, abbracciati dopo la vittoria del River contro il Boca nel superclásico del 2023 al MonumentalInstagram @riverplate

Bastian, che nella maggior parte delle partite che il River gioca al Monumental è solitamente visto servire come ricevitore di palla e scambiare abbracci con suo padre quando la prima squadra segna un goal, stava giocando una delle partite della giornata. Il rivale, banfield, e la partita, presso la struttura Luis Guillón, del club del Sud. Il primo tempo si chiude con il punteggio di 2-2. E dopo essere stato sul 2-3, il River è passato in vantaggio per 4-3 al 14° minuto dell’inizio del secondo tempo. Banfield ha pareggiato 4-4 a 18 e Sebastián Galeano, a 30, ha segnato il quinto gol Trapanoche sarebbe quello definitivo.

Al termine della partita, al minuto 44, Ne è seguita l’azione che ha coinvolto Bastian Demichelis. Di fronte ad un colpo di palla, ha cercato di anticipare un avversario, che ha guadagnato posizione, si è girato e si è rivolto alla porta. Fuori dal raggio d’azione, il figlio dell’allenatore del River lo ha colpito alle spalle, ha commesso un’infrazione durissima e l’esito era prevedibile: rosso diretto.

Banfield ha così festeggiato la vittoria nell’ottava divisione per 5-4. È stata l’unica categoria in cui sono riusciti a vincere, visto che il River ha vinto in 4a (3-0), in 5a (3-1), in 6a (3-1), mentre ha pareggiato in 7a (0-0 ) e in 9a (2-2).

Al di fuori dell’incidente con Bastian Demichelis nella partita dell’ottava divisione che il River ha avuto contro il Banfield, La Riserva del gruppo milionario vive un momento di aspettative. Sono passati dieci anni dall’ultima volta che la seconda squadra del club di Núñez ha vinto il titolo. E questa domenica, a partire dalle 15, affronteranno il Lanús in semifinale, a La Fortaleza.

Vale la pena ricordare che il River, dopo essere arrivato secondo in zona classifica alle spalle del Vélez (a pari punti, ha prevalso la squadra di Liniers per maggiore differenza reti), ha eliminato il Boca agli ottavi e ha battuto Defensa y Justicia ai locali. Entrambe le partite si sono svolte al River Camp, a Ezeiza. La squadra milionaria è diretta da Marcelo Escudero, ex centrocampista dell’entità negli anni Novanta e campione della Copa Libertadores del 1996.

La partita tra Lanús e River potrà essere seguita in diretta sulla piattaforma ufficiale della Professional Football League, LPF Play, alla quale è necessario registrarsi.

LA NAZIONE

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Cali è ancora in crisi: ha perso contro Pereira all’esordio in campionato
NEXT Attivisti animalisti protestano a Pamplona alla vigilia di San Fermín contro la “crudeltà medievale” della corrida