Jesús Navas punta alle semifinali degli Europei: Carvajal, fuori

Jesús Navas punta alle semifinali degli Europei: Carvajal, fuori
Jesús Navas punta alle semifinali degli Europei: Carvajal, fuori

Jesús Navas riceve un pallone da Luis de la Fuente nella partita contro l’Albania (Foto: Cordon Press)

  • La Spagna gioca una partita sofferta ma di alto livello e batte la Germania (2-1)

  • Carvajal e Le Normand saranno fuori a causa delle ammonizioni ricevute nella partita contro i tedeschi

La Spagna è passata alle semifinali degli Europei dopo una partita sofferta, di quelle che passeranno alla storia. Una semifinale in cui affronteranno Portogallo o Francia e in cui la Spagna subirà molte sconfitte significative. Le Normand per accumulo cartePedri per infortunio e Carvajal per aver visto il rosso per il doppio giallo. La seconda non era necessaria, perché con la prima la partita era già persa. La perdita del terzino destro del Real Madrid aprire la porta al più anziano della Nazionale, Jesús Navas.

Il giocatore del Siviglia, campione del mondo nel 2010 e campione d’Europa nel 2012, avrà, ben dodici anni dopo, l’opportunità di giocare nuovamente nelle semifinali di un torneo importante. Non lo ha fatto in Sud Africa contro la Germania, ma lo ha fatto a Euro 2012, uscendo dalla panchina per sostituire David Silva. A 38 anni, quello del Palacios avrà l’opportunità di ampliare la sua carriera con la Nazionale, mitica non solo per il numero di partecipazioni, più di 50, ma per essere stata una protagonista fondamentale nel gol di Andrés Iniesta che ha segnato per La Roja la sua prima Coppa del Mondo a Johannesburg.

Jesús Navas insegue un pallone nella terza partita della fase a gironi contro l’Albania (Foto: Cordon Press)

La Spagna, con Jesús Navas quasi titolare, punta alla semifinale

La Spagna ha vinto in casa dei padroni di casa, la grande favorita prima dell’inizio del torneo, in una partita al cardiopalma. Molti dettagli, come l’inspiegabile mancata espulsione di Toni Kroos dopo aver segnato tre gialli e aver mandato in panchina Pedri e Fabián infortunati. O il gran gol di Mikel Merino in uno stadio dove suo padre aveva già segnato anni fa.

Nell’immediato orizzonte della squadra spagnola, una partita, un’altra finale anticipata per la squadra di Luis de la Fuente, martedì prossimo, 9 luglio. Cristiano Ronaldo o Mbappé. Portogallo o Francia. Uno dei due sarà il nostro rivale che, essendo di gran lunga la squadra migliore dell’intera Eurocupsi è guadagnato il rispetto dell’intero continente e il diritto di sognare fortemente che il quarto titolo europeo sia vicino.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “Se non è aperto tiriamo da soli” | Sollievo
NEXT Questo è stato l’arrivo di Alan Cervantes per firmare con l’América: quando verrà presentato?