“Una vittoria così a Wimbledon ti cambia”

“Una vittoria così a Wimbledon ti cambia”
“Una vittoria così a Wimbledon ti cambia”

Lo spagnolo Roberto Battista Ha assicurato di aver vinto la sfida che si era prefissato di arrivare al tabellone finale degli US Open e che ora potrà giocare con un po’ più di tranquillità senza pensare ai numeri.

Quello di Castellón ha battuto questo sabato Fabio Fognini e si è qualificata per gli ottavi di finale a Wimbledon, che è il suo primo ottavo di finale in un Grande Slam da gennaio 2023 e all’All England Club per tre anni.

“È stato speciale perché erano mesi che cercavo un bel risultato e una vittoria così ti cambia. Nella posizione in cui sono in classifica ti dà una bella carica. L’emozione è stata dovuta anche a tutto il lavoro che ho fatto”. hanno fatto. Dopo aver perso contro di lui nella finale del Sfidante di Valencia avendo tre match point, mi sento come se il tennis mi dovesse qualcosa.”

Grazie a questo risultato Bautista, che aveva iniziato il torneo al 112esimo posto del ranking, finirà Wimbledon almeno 75esimo nel mondo.

“Adesso non penso più ai punti o alla classifica. Due settimane fa ero 120 e se adesso andrò sotto gli 80 sarà una bella spinta. Arrivare a Wimbledon fuori quota 100, con il taglio degli US Open.. È stato un bel gol, una bella sfida, essere nel tabellone finale degli US Open e da ora in poi sono stato un po’ meno teso, meno preoccupato per i numeri e più per il mio livello di gioco.”

Il castellano ha sempre un bel ricordo di questo torneo, dove raggiunse la semifinale nel 2019, quando il futuro campione lo fermò Novak Djokovic.

“La verità è che sì, l’ho sentito in qualche Grande Slam, iniziando il torneo e sentendo di essere davvero bravo. Non so come farò il resto del torneo, ma chiunque mi batterà avrà fare molto bene,” ha detto Bautista, contro il quale si misurerà nel prossimo turno Paolo Tommasicampione due settimane fa al Queen’s.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’intensa ‘pianificazione’ del Barça di Flick prima del viaggio negli USA
NEXT McLaren e Norris intimidiscono prima delle qualifiche in Ungheria